Twitch, la piattaforma live- streaming più famosa compie dieci anni

Bruno Palmisano - 3 Giugno 2021

Quando si associa Internet e media subito si pensa a YouTube, pensando sia la piattaforma multimediale per eccellenza: sbagliato. Twitch (https://www.twitch.tv), con più di quindici milioni di utenti attivi al giorno e oltre il 70% delle ore totali trasmesse globalmente online è leader nello streaming.

Cos’è?

Twitch è una piattaforma digitale di live-streaming che permette di vedere la trasmissione di tuo interesse, in diretta o in differita, e di interagire con lo streamer, ovvero chi sta eseguendo la trasmissione, o con altri spettatori.

Nascita e crescita esponenziale: TV del futuro?

Twitch viene lanciata ufficialmente il 6 Giugno 2011, integrata nella piattaforma madre Justin.TV, con l’intento di creare un canale dedito ai videogame: giocatori di tutte le tipologie e da tutto il mondo condividono le loro passioni trasmettendole liberamente.

Nel 2014 Amazon compra Twitch per 970 milioni di dollari, quando la piattaforma già è ben lanciata. Basti pensare che dalle analisi della rete risulta la quarta più grande fonte di traffico Internet durante i periodi di punta negli Stati Uniti, dietro Netflix, Google e Apple

Nel 2015 da Twich sono stati trasmessi 241 miliardi di minuti totali, corrispondenti a 459 mila anni di streaming.

Durante il Lockdown c’è stato un ulteriore boom: gli spettatori medi connessi sono raddoppiati superando la soglia dei due milioni. Ad oggi, si parla di un totale di 1.6 miliardi di ore visionate al mese, con una media di 95 a utente.

Centro Commerciale Primavera

Per far capire le proporzioni, RaiPlay, servizio on-demand della Rai, nel solo mese di marzo ha avuto circa 26milioni di ore di visualizzazioni. (Rai Ufficio Stampa)

 Qual è la magia dietro il successo?

La formula di Twitch prevede non solo di visionare i contenuti che si vuole ma anche di interagire istantaneamente con lo streamer sia via chat scritta, sia via chat vocale (tramite l’uso di programmi esterni ma venendo trasmesso comunque dal canale.)

Nata come piattaforma per i videogiochi, Twitch ha ampliato le categorie. Si possono trovare infatti canali di “Just Chatting”, ovvero chiacchiere sportive, enogastronomiche, etc…, e anche dirette in giro per il mondo: si va dai ragazzi che condividono il loro percorso di allenamenti a utenti che passeggiano su spiagge esotiche accompagnati dal proprio cellulare e da migliaia di spettatori. Il tutto sempre in diretta.

In Italia? Un romano guida la classifica.

 L’Italia a fine Gennaio 2021 vantava più di 90 streamer con oltre 100.000 followers, tra i quali primeggia Pow3rtv ovvero Giorgio Cardarelli, videogiocatore professionista romano, con oltre 1.2M di iscritti e con oltre 13 milioni di ore di watchtime.

Perché Twitch?

Condividere la propria passione, videogame, sport, cucina etc…, sembra essere una delle risposte più gettonate, almeno all’inizio. Se si è bravi diventa un vero e proprio lavoro capace di monetizzare anche più di YouTube (https://festamaurizio.it/guadagnare-twitch-italia).

Quello che affascina è sicuramente la libertà (con le dovute regole imposte dalla piattaforma) di vedere, di far vedere e di interagire e l’incredibile semplicità nel trovare quel che si vuole, come attivi spettatori, o addirittura nel diventare noi stessi streamers (https://www.teamworld.it/tecnologia/come-fare-a/streammare-su-twitch), munendoci di un computer e delle cuffie o semplicemente di un cellulare.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti