Un Arcobaleno di passioni dal 1985 a Colli Aniene

Intervista a Graziella Petrocchi nel suo negozio di fotografia di viale Togliatti 1457
Vincenzo Luciani - 22 Maggio 2021

Dinamica, esplosiva, coinvolgente così appare ed è Graziella Petrocchi e, nel quartiere, si può dire senza timore di essere smentiti, così è conosciuta dalla maggioranza degli abitanti che si sono serviti nel corso degli anni del suo negozio di fotografia. Ecco la nostra intervista.

Puoi sintetizzarci la storia del tuo negozio?

La mia attività nasce da una grande passione di due ragazzi per la fotografia. Nel 1985 – ero giovanissima e presi in affitto un locale in viale Sacco e Vanzetti 215, offrendo anche un servizio di sviluppo e stampa in un’ora. Da molto tempo operiamo in questa sede in viale Togliatti 1457 e, nel corso degli anni, abbiamo raggiunto certificazioni e affiliazioni di qualità. Grazie alla stampa in un’ora, ho conquistata subito clientela. Poi ho aggiunto altre attività di laboratorio.

Il segreto del successo?

Soprattutto la disponibilità, la gentilezza e la professionalità che ci hanno sempre contraddistinto e sono tutt’oggi i nostri punti cardine. Siamo specializzati in tutto ciò che la fotografia richiede dallo sviluppo e stampa, alle forniture di materiale fotografico. E poi anche cornici e album artigianali ricercati fra i migliori artigiani italiani e servizi fotografici e video per ogni occasione. Le immagini delle emozioni dei clienti sono sicuramente uniche, la nostra passione e professionalità cerca di renderle immortali. Un nostro slogan è: “Cogliere l’attimo e documentalo è il nostro mestiere, vederlo e rivederlo è il vostro desiderio”.

Una curiosità, perché la denominazione Arcobaleno?

Il nostro negozio è “un arcobaleno di passioni” (come diciamo anche nel nostro sito internet). Da anni siamo un punto di riferimento per fotografi di qualsiasi tipo. Professionisti, appassionati, amatori, curiosi e neofiti trovano da noi tutto ciò che cercano. Il nostro personale altamente specializzato è sempre a loro disposizione ed è pronto a consigliare la soluzione migliore in base alle loro esigenze e possibilità.

Dar Ciriola

E la situazione attuale

Anche in un periodo travagliato come questo, siamo motivati da quella che è la nostra forza da sempre: essere un’azienda familiare animata da grande entusiasmo. Ci siamo sempre trasformati ricercando nuove strade e tenendo sempre in considerazione l’evoluzione nel nostro ambito fotografico. I nostri servizi oggi vanno dallo sviluppo e stampa di fotografia analogica e digitale, bianco e nero, diapositive, gigantografie, foto tessere anche a domicilio; restauro foto, elaborazioni, fotoritocchi, recupero di file da supporti magnetici; fotocalendari, biglietti d’auguri ed inviti personalizzati; stampe su maglietta, puzzle, tazze, borse, mouse pad, grembiuli, cuscini, portacellulare, medagliette e boule de neige;servizi fotografici per matrimoni, battesimi, comunioni, cerimonie e negli ultimi 5 anni in foto family e bambini; riprese video per cerimonie matrimonio ed eventi di ogni genere; book fotografici per casting e non solo; riversaggio di filmini super8, vhs, vhs-c, mini DV e 8mm su dvd…

Ho constatato che voi fate un uso sapiente dei social…

Sì, certamente, anche attraverso le foto, presenti nel nostro sito e soprattutto nel profilo Facebook, ad esempio, documentiamo nelle sezioni “Tracce di mondi passati”, Concorso Fotografico 2018 “Fotografare dal basso” e stimoliamo la curiosità in “Mamme in dolce attesa” e “New Born (neonati)”.

Com’era il quartiere quando avete avviato l’attività?

Era pieno di tanti problemi ma c’era anche tanto entusiasmo, c’erano molte coppie giovani, c’era molta umanità e socialità, solidarietà

E i comportamenti dei clienti?

Si sono evoluti con il mutamento dei costumi e con i profondi cambiamenti nella società e nelle famiglie (e le nostre foto sono in grado, a ben vedere, di documentare tutto ciò). In passato quando ero costretta a fare un lavoro di notte scendevano dei clienti impietositi e ammirati della mia laboriosità e mi portavano qualche ristoro. Negli anni passati si fotografava e poi si attendeva l’esito dello scatto, tempo che noi, tra i primi a Roma, abbiamo ridotto al minimo. Oggi chiunque può scattare e vedere l’esito, ma il mondo della foto che rimane, resiste e si fa più sofisticato, professionale. E noi nel nostro piccolo anticipiamo i desideri dei nostri clienti e generalmente siamo in grado di soddisfarli e di assecondarli.

Cosa si dovrebbe fare oggi?

Nel quartiere, a Roma e nel mondo: rieducare le persone ad essere più rispettose del bene comune e degli altri.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti