Categorie: Ambiente Associazioni
Municipi: | Quartiere: ,

V Municipio. Pulizia e denuncia del degrado del Parco Pasolini

Il 22 novembre ad opera di militanti del gruppo romano di FSI-Riconquistare l’Italia

Il 22 novembre 2020 alcuni militanti del gruppo romano di FSI-Riconquistare l’Italia si sono ritrovati a Parco Pasolini, nel V Municipio, per un’azione di pulizia dell’area gioco invasa da erba alta, fogliame e immondizie.

Una Domenica mattina impegnata a denunciare il lassismo e l’incapacità di gestire la spesa pubblica per una manutenzione ordinaria di aree destinate alla vita dei cittadini, soprattuto dei cittadini più piccoli.

“Lo abbiamo fatto – dicono gli organizzatori – come partito con i militanti di FSI-Riconquistare l’Italia, e come cittadini per i cittadini, lo abbiamo fatto in mezzo e insieme a tante persone libere che si sono avvicinate felici di un’azione che migliora la vita quotidiana.
In tanti ci hanno detto di avere bisogno di vedere qualche miglioramento dato che non se ne vedono da anni. Ma che sia continuativo! Alcuni passanti ci hanno segnalato altre zone completamente degradate da sistemare, un signore di una certa età ci ha urlato a braccia aperte: ‘grazie! Lo Stato è assente!’.
Non devono essere i cittadini ad occuparsi di questo.
Le amministrazioni hanno tagliato i servizi, hanno smesso di investire in manutenzione, hanno lasciato credere che la sussidiarietà dei cittadini fosse una bella cosa per “appaltare” praticamente a loro la pulizia dei luoghi forti dei loro ideali civici e della loro voglia di decoro.
Si deve dire no! No al luogo comune che sia il cittadino a sporcare e che gli altri cittadini debbano pulire per punire gli ‘zozzoni’. Gli ‘zozzoni’ ci sono pure, ma non per questo lo Stato debba mancare e comunque non sono solo loro a creare degrado (erba alta, alberi pericolanti, giochi per bambini lerci, caditoie intasate, staccionate marce, secchi dell’immondizia strabordanti e buste mai cambiate sono solo alcuni esempi di non responsabilità degli ‘zozzoni’). No all’accettazione di questo stato di cose per chi l’amministrazione ‘tanto manca, quindi meglio far da soli!’.
Dobbiamo mostrare quello che manca e poi stare con il fiato sul collo perché a farlo siano i servizi preposti.
Crediamo ancora nella politica come spinta sociale.
Eccoci.
Ed i cittadini dovranno tornare a credere che le piccole grandi cose per vivere meglio nel quotidiano si faranno e si faranno con le tasse che già pagano!”

“Considerato che la modalità di pressione, mail e chiamate settimanali, fatta agli uffici competenti del Comune e del Municipio ha portato i suoi frutti a Largo Preneste, – afferma Riccardo Bensio di FSI-Riconquistare l’Italia – continueremo ad utilizzarla per richiedere un intervento di manutenzione straordinaria del verde orizzontale e della staccionata per l’area giochi del Parco Pasolini e più in generale per tutto il Parco:
stamattina ho scritto una mail alla segreteria centrale comunale del servizio urbano e al relativo responsabile municipale del municipio V. Crediamo che sia inaccettabile che i nostri ragazzi, i nostri bambini, si trovino a giocare in mezzo all’erba alta tra bottiglie, tappi e altra immondizia varia: anche quest’area risulta abbandonata a se stessa ed il degrado regna sovrano”.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento