Valorizzazione del patrimonio forestale pubblico con Mosaico Verde

Straordinario ed educativo convegno al MIPAAFT il 20 giugno. Gli enti pubblici si raccontano
Henos Palmisano - 28 Giugno 2019

Il 20 giugno 2019, si è tenuto presso il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e del Turismo (MIPAAFT) un convegno per “Combattere i cambiamenti climatici con nuove foreste e nuovi parchi urbani “.

AzzeroCO2 (società che da anni supporta aziende ed enti pubblici nel migliorare le performance energetico-ambientali) e Legambiente (l’associazione ambientalista più diffusa in Italia) un anno fa hanno elaborato un piano di riforestazione urbana chiamandolo “La Campagna Mosaico Verde”.

La Campagna si propone di trovare naturali alleati in quelle aziende sensibili ai problemi ambientali e in enti locali particolarmente attenti alla salute pubblica, per combattere il degrado ambientale e porre un rimedio ai cambiamenti climatici.

In un solo anno di attività della campagna hanno aderito ben 34 tra Comuni ed Enti Parco (altri 19 sono in fase di adesione), che non hanno esitato a mettere  a disposizione una superficie di 137 ettari di cui 86 con alberi finanziati dalle aziende.
L’obiettivo è quello di arrivare in pochi anni a piantare almeno 300.000 alberi e tutelare 30.000 ettari di boschi ed aree verdi.

Tutti questi numeri sembrano poca cosa in confronto ai disastri globali, ma come dichiara Alessandra Stefani (Direttore Generale delle Foreste MIPAAFT) “Piantare alberi è da sempre una azione ben fatta. Convogliare risorse di aziende che sentono la responsabilità sociale di contribuire al nostro pianeta è un’azione ancora più importante, perché mette in moto energie positive ed innesca una rincorsa al meglio per il bene comune. La Direzione Generale delle foreste riconosce queste azioni positive ed il Ministero delle politiche agricole alimentari forestali e del turismo apre volentieri le sue porte per contribuire a rendere pubblici i risultati di questo impegno.”

Alessandro Vezzil, coordinatore de “La Campagna Mosaico Verde” ha dichiarato che “…in questo primo anno di attività la campagna ha dimostrato che l’unione fa la forza: aziende, enti locali e la Direzione Foreste del MIPAAFT possono proficuamente collaborare per tutelare il paesaggio e il territorio. I cambiamenti climatici sempre più avranno effetti sulla vita nelle città e sempre più si avrà necessità di una corretta programmazione del patrimonio naturale.”

Antonio Nicoletti, Responsabile Aree protette di Legambiente ha dichiarato che “La Campagna è rivolta in particolare alle aree urbane perché è lì che si gioca una sfida importante per frenare la perdita di biodiversità. La popolazione del pianeta, concentrata per la gran parte nelle città può invertire questo degrado e sostenere politiche di tutela innovative promuovendo spazi urbani a verde pubblico. Le aziende possono, attraverso l’adesione alla Campagna dare il loro concreto contributo adottando spazi e territori degradati o non gestiti, per farne delle oasi urbane….apportando un valore aggiunto in termini di sostenibilità”.

La giornata è stata particolarmente intensa e numerosi sono stati gli interventi sia dei rappresentanti enti pubblici che dei comuni.
Antonio Ventre, Responsabile Area Gestione dei Comuni di Valdarno e Valdisieve ha sottolineato come l’Italia sia al penultimo posto nella UE per l’utilizzo delle foreste come volano di economia diretta ed indiretta; mentre Antonio Ventre parlava, non potevo fare a meno di pensare agli alberi come legna da ardere, per fabbricare mobili, per costruzioni edili, per le barche, cornici, manufatti artistici, insomma come materiale energetico rinnovabile e compatibile.

Adotta Abitare A

L’intervento dell’assessore all’ambiente di Pomezia Giovanni Mattias mi ha commosso: gli alunni di una scuola di Genzano hanno regalato otto alberi al comune di Pomezia; avvicinare i ragazzi di ogni età a queste problematiche è la strada giusta per creare la coscienza civica e far capire che il pianeta Terra non ha risorse illimitate. Otto alberi sono un bel simbolo e se a regalarli fossero tutte le scuole e le aziende d’Italia diventerebbero un bel segnale per tutto il mondo; l’8 in orizzontale significa infinito, da un piccolo gesto può nascere una benefica catena infinita che in breve volgere di tempo potrebbe portare Governi e Popoli a rivedere la Politica delle risorse.

Mosaico Verde si prefigge la tutela della biodiversità vegetale ed animale, la lotta al consumo e agli sprechi, la ricostruzione di corridoi ecologici, la ricostruzione degli habitats, bilanciare la riforestazione ed l’utilizzo del patrimonio boschivo; il piano d’azione di AzzeroCO2 e Legambiente si è dimostrato concreto ed efficace e, sfruttando la nuova legge forestale, hanno subito aderito enti locali, enti parco ed aziende.

 

Henos Palmisano


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti