Volontari al lavoro sul giardino di via Herbert Spencer

Alessandro Moriconi - 31 Ottobre 2021

Stamattina un bell’incontro, in via H. Spencer al Collatina, con i volontari del Comitato Parco di via Spencer.  Un gruppo fatto di uomini e donne, pensionati e non e addirittura di imprenditori, tutti accumunati da un unico intento, quello di rendere agibile e vivibile come giardino una grande area in carico all’Italfer sotto la quale scorrono i binari della TAV e della linea FR2.

Il gruppo che si autofinanzia, si è dotato di tutte le attrezzature necessarie e che ovviamente mirano “visto anche che altrimenti nessuno si fa carico della manutenzione” ad ottenere dall’Italfer l’adozione di quello che giorno dopo giorno si e’trasformato, con l’opera dei volontari, in un vero accogliente giardino.

Ci sono tuttavia ancora tanti lavori da fare, dalla sistemazione di alcune panchine, alla pulizia di strada e marciapiedi, lavori che di certo non rientrano nelle competenze dei pur laboriosi volontari.

E il Comune cosa fa? Al momento poco e niente, visto che da anni ha nelle sue casse ben 800.000€ dati dall’Italfer per ricostruire il Basolato dell’antica via Collatina venuta fuori durante la realizzazione della galleria e della fermata Serenissima e i cui blocchi, allora tutti numerati dagli archeologi, giacciono ammucchiati in un canalone di quello che dovrà essere il Parco e per il quale sempre Italfer ha messo nelle casse comunali oltre 6 milioni di euro.

A giorni Roma vedrà l’insediamento della nuova Giunta comunale sostenuta da una maggioranza che politicamente è allineata a quelle dei Municipi IV e V, oltre al VI l’unico a Roma che sarà gestito dal centrodestra.

Adesso non ci resta che attendere un cambio di marcia dopo anni di un sostanziale fermo almeno dal punto di vista operativo per la realizzazione delle opere, di cui abbiamo visto traccia nella sola messa in sicurezza della Torre del Casale della Cervelletta.

IL VIDEO

https://www.facebook.com/moriconiale/videos/2401534009978679/?d=n

Macelleria Colasanti

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti