Xu Longsen. Dall’alto di due Imperi

La prima personale in Italia dell'artista cinese al Museo della Civiltà Romana
di Francesco Cozzi - 7 Luglio 2011

Fino al 24 luglio sarà visitabile la prima mostra personale in Italia di Xu Longsen, "Dall’alto di due Imperi", presso il Museo della Civiltà Romana di piazza G. Agnelli 10 all’Eur.

Il lavoro di Xu Longsen si basa su una lunga tradizione in cui l’espressione artistica orientale e nel nostro caso cinese trova nello scenario montano e vegetale il soggetto di riferimento più significativo. Infatti in esso si concentra l’interesse spirituale, pur passato al vaglio della modernità, che ancor oggi riesce a sollecitare gli artisti più attenti.
Il cammino di Xu Longsen che egli percorre è lungo e difficile fino al raggiungimento, non ancora del tutto compiuto, di un simbolico vivere le rupi scoscese, gli alberi, gli anfratti come elementi di una natura incontaminata e solitaria. I paesaggi rocciosi, sassi enormi, tronchi scavati, alberi secolari e giade sovradimensionate vengono dipinte con le modalità della pittura tradizionale cinese su carta di riso talora di grandi dimensioni. Tutto richiama il silenzio della voce interiore che solo nello sprofondarsi negli echi della natura permette all’artista un “rituale di rigenerazione”. Tale modalità pittorica si colloca tra “antico e moderno, tra tradizione e presente” così prossima all’impervio e lungo cammino della Cina. E allora l’interesse di Xu Longsen per il paesaggio naturale diviene un itinerario simbolico, spirituale, è vero, ma anche registrante la comprensione della organica fisicità dei soggetti rappresentati.
L’amplificazione espressiva del grande formato dei pannelli di carta di riso supportati dallo scandire ascetico della musica Zen, riescono ad evidenziare lo scavo interiore dell’anima cinese. D’altro canto il nuovo interesse, anche in occidente, per la pittura di paesaggio, conseguente e opposto al degrado ambientale, pone in essere il recupero così totalmente definitivo evitale, da fargli superare l’aspetto simbolico per riproporlo nella sua spirituale fisicità.

Orario:
Da martedì a sabato ore 9.00-14.00; domenica ore 9.00-13.30 (La biglietteria chiude 1 ora prima).
Giorni chiusura Lunedì.
Tariffe:
Intero € 7,50 – Ridotto € 5,50
Per i cittadini residenti nel Comune di Roma (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza)
Intero € 6,50 – Ridotto € 4,50
Gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente e bambini fino a 6 anni.
Telefono: 060608 (tutti i giorni dalle 9 alle 21)
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti