Sport  

Youth League: la Roma Primavera affronta il Chelsea

Scendono in campo oggi, 10 aprile, a Nyon le squadre impegnate nella semifinale della Champions Under 19
Mariagaia Metrangolo - 10 Aprile 2015

Sebbene la prima squadra non stia vivendo il suo migliore momento di forma, in casa giallorossa c’è ancora un motivo per sorridere. Proprio in questi mesi, opachi e poco entusiasmanti per gli uomini di Garcia, i giovani giallorossi militanti nella Primavera fanno parlare di sé.

Oltre al primato in campionato, legittimato sul campo con prestazioni sempre d’alto livello, gli Under 19 sotto la guida di Alberto De Rossi hanno raggiunto un’altra posizione importante. Dopo aver superato un’ostica fase a gironi e aver sconfitto il Manchester City di Vieira a Latina, lo scorso 17 marzo, i baby giallorossi sono infatti volati a Nyon per disputare la semifinale di Youth League, la ‘Champions dei giovani’.

primaveraQuesta competizione, che ha visto la sua prima edizione sui campi lo scorso anno, ricalca esattamente la struttura della Champions League.
Per quanto concerne la prima fase, in particolare, le 32 formazioni giovanili delle squadre qualificatesi alla fase a gironi della massima competizione europea sono ammesse alla fase a gironi, il cui calendario ricalca fedelmente quello delle squadre maggiori.
Le prime e le seconde classificate di ogni girone si qualificano alla fase a eliminazione diretta. Ottavi e quarti, infatti, si disputano in gara singola, fino ad arrivare a semifinali e finale da disputare su campo neutro.

Tale campo quest’anno sarà quello svizzero di Nyon e ospiterà nel primo pomeriggio (ore 13) di oggi, venerdì 10 aprile, la sfida tra Anderlecht e Shakthar Donetsk e successivamente, alle ore 17.15, quella tra la Roma e il Chelsea.

L’avversario che dovrà affrontare la Roma è il più difficile tra quelli ancora presenti nella competizione e uno dei più tosti di tutto il torneo. La squadra di Adi Viveash ha vinto sette delle otto partite stagionali in Youth League, ha il miglior attacco della competizione con 29 gol e la miglior difesa con sole quattro reti subite e ha in rosa nomi illustri come quelli di Dominic Solanke e Ruben Loftus-Cheek, già schierati da Mourinho in prima squadra.

Ma, comunque si concluda questa sfida, è già un successo: si tratta infatti di un traguardo storico, tenendo conto che nessuna squadra italiana era mai approdata neanche ai quarti.

“Questi ragazzi ci stanno regalando parecchie soddisfazioni, più di quanto ci si potesse aspettare – ammette il tecnico De Rossi -. Stanno crescendo rapidamente e giocano ogni partita con grande concentrazione. Sono una squadra molto unita e lo si può vedere in campo. Andiamo a Nyon per goderci questa esperienza e giocarci tutte le carte che abbiamo”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti