Andare a piedi oltre il raccordo? Sulla Casilina è a rischio

Né marciapiedi, né strisce pedonali, solo curve a gomito
di Claudia Tifi - 6 Aprile 2009

Chi ha provato a percorre a piedi la via Casilina all’altezza del raccordo sa quanto sia pericoloso e per molti impossibile attraversare quel grosso nodo di vie e di traffico. Non c’è traccia di sottopassaggi, di marciapiedi, di strisce pedonali e di segnaletica rivolta ai pedoni. Ci sono solo curve a gomito da cui sbucano moto, auto, camion e grossi tir che vanno e vengono dal raccordo e un sentiero di cemento che svanisce nel nulla ogni volta che si deve attraversare uno dei quattro imbocchi del raccordo. Dall’altro lato la carreggiata è così stretta che, se c’è un ingorgo di auto non si passa, se non c’è, ci sono buone probabilità di essere atterrati da un auto a tutta velocità: legato a un palo c’è già un mazzo di fiori finti. Oltre il guardrail stanno i sassi e i binari del trenino.
Sembra proprio che la civiltà, per lo meno quella umana, finisca con quel cartello che delimita il territorio della capitale. Eppure un quartiere molto popoloso e il capolinea del trenino si trovano appena attraversato il raccordo.
Altro che piste ciclabili o marciapiedi per carrozzine e carrozzelle, chi progettò questa uscita del raccordo pensò poco ai motociclisti, che con la pioggia spesso planano nel vano tentativo di percorrere quelle curve strettissime ad una velocità sostenuta, e diede per già estinti i pedoni.

Tuttavia, come testimonia l’ultima foto, chi prova ad attraversare c’è, anche se lo fa a suo rischio e pericolo.
Hanno costruito proprio lì di fianco la stazione dei Laziali, hanno aperto i cantieri della metro tutt’attorno, è possibile che nessuno si sia accorto di questo terribile difetto di progettazione?
A fine marzo 2009 è stato persino rifatto l’asfalto sulla via Casilina oltre il raccordo, ora strisce pedonali e segnaletica orizzontale mancano per chilometri e chilometri. Chissà che prima o poi qualcuno decida di porre rimedio a queste incresciose situazioni.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti