Buona sanità: al Policlinico Umberto I di Roma una storia a lieto fine

Una mamma ha portato avanti 2 difficilissime gravidanze
Riceviamo da una nostra lettrice - 8 Maggio 2008

Salve, sono una mamma cittadina del V municipio, abito a Colli Aniene.

Vorrei raccontare una bellissima storia a lieto fine che ha visto come protagonisti due bambini e l’equipe di ginecologi, ostetriche e neonatologi del Policlinico Umberto I di Roma.

Nel 2000, mi sono accorta di aspettare un bimbo. Ho cominciato subito una gravidanza travagliata, trascorsa fino alla 32esima settimana presso il reparto di ginecologia, sostenuta dalla ginecologa Prof.ssa O. Capri ed il suo staff.

Dopo continue minacce d’aborto sono arrivata alla 32 esima settimana, quando hanno avuto inizio forti contrazioni ed è nato Gabriele: peso 1Kg 990 e alto 47 cm.

Qualche anno dopo si è affacciato anche un fratellino, un po’ troppo frettoloso perchè ha deciso di nascere alla 26 esima settimana.

Le speranze di sopravvivenza erano poche per l’ estrema prematurità ,il basso peso e la sofferenza fetale. Anche lui lottando, ha superato tanti brutti momenti con l’amorevole cura della TIN del Policlinico dove e’ rimasto per 85 lunghi giorni.

Questa storia puo’ essere di insegnamento a tutte le mamme che vivono nei reparti di terapia intensiva neonatale, non bisogna mai perdere la fiducia.Coraggio e in bocca al lupo!!!!!!!

Laura Ricella


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti