Campi Nomadi, nulla di fatto

La delibera comunale di iniziativa popolare promossa da Federico Rocca, che chiedeva la chiusura dei campi nomadi a Roma è stata bocciata dal M5S e dal PD
Redazione - 30 Marzo 2017

Sembra che non si voglia proprio trovare una soluzione al problema dei nomadi particolarmente sentito nelle periferie estreme di Roma come nel nostro caso quella di Trigoria e Castel Romano.

“Stamattina 30 marzo 2017 la delibera comunale di iniziativa popolare promossa da Federico Rocca, che chiedeva la chiusura dei campi nomadi a Roma è stata bocciata dal M5S e dal PD.  Il provvedimento prevedeva  lo smantellamento definitivo dei campi e la regolamentazione della presenza delle popolazioni rom, sinti e caminanti nella Capitale ma la proposta è stata bocciata con la motivazione che tale chiusura ‘non consentirebbe alle persone di integrarsi e nemmeno ai bambini di andare a scuola’ .

Dunque saranno i romani a doversi integrare ? A Castel Romano come ogni anno si assiste in questo periodo alla saga dei roghi tossici, così come nei piccoli insediamenti sulla Laurentina e sulla Colombo. Nel Municipio 9 chilometri di strade  sono rimasti senza illuminazione a causa del furti dei cavi in rame.  Discariche a cielo aperto con sversamenti di ogni genere e sicuramente tossici.  Intere famiglie infilate nei cassonetti in cui la differenziata non è ancora partita. A Trigoria Alta in neanche una settimana sono state tagliate le reti di diverse ville, narcotizzati cani e portati a compimento piccoli furti. Sulla Pontina piovono sassi, e a volte elettrodomestici abbandonati sulle carreggiate. Non vorremo arrivare a  pensare che anche qui ci potrebbe essere un coinvolgimento del campo di Castel Romano.  Poi vai a fare una maratona e non trovi più il tuo zaino.

Non basta? Non è chiaro il messaggio che i cittadini mandano alle istituzioni? E tenere i campi aperti non vuol forse dire ghettizzare tentando di arginare un problema? Che integrazione è mai questa! Abbiamo sperato che il vento di cambiamento prevedesse un nuovo futuro per la sicurezza e la gestione della città; oggi abbiamo la certezza che nulla è cambiato. Una sconfitta per Roma”.

Così in una nota congiunta Laura Pasetti e Amedeo Zamparelli, FdI-An


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti