Chiusura del reparto di immunologia pediatrica del Policlinico Umberto I

Questo provvedimento priva dell’assistenza 200 bambini immunodepressi, di cui alcuni a rischio vita. A chi il merito di averla progettata?
Annarita Pellegrini - 19 Gennaio 2020

Il reparto di immunologia pediatrica del Policlinico Umberto I è in chiusura. Da qualche   tempo si sentiva parlare di questa eventualità, divenuta realtà con il congedo dall’attività, per  raggiunti limiti di età, della prof.ssa Marzia Duse, illuminata creatrice e coordinatrice, con la valida  ed  esperta collaborazione della dott.ssa Lucia Leonardi, di un reparto di eccellenza   per la cura delle immunodeficienze primitive e delle malattie rare nell’infanzia.

Questo provvedimento priva dell’assistenza 200 bambini immunodepressi, di cui alcuni a rischio vita, per la gravità della loro patologia, che non possono rivolgersi a centri alternativi,   perché pochissimi in Italia e, per di più, superaffollati, quelli pubblici, insostenibilmente onerosi,  quelli   privati.

Alternative ventilate: il dirottamento  dei casi molto gravi (30/  40) al reparto di immunologia per  adulti del Policlinico Umberto I ed estromissione dei 150 casi di deficit di Iga oppure il  mantenimento in vita del reparto di immunologia pediatrica sotto il coordinamento  e la gestione dei responsabili e degli operatori del settore di allergologia.

Fresco Market
Fresco Market

Nel primo caso, è inconcepibile che, per sottoporsi alle terapie salvavita, dei bambini, trascorrano i due terzi della loro giornata in un ambiente per adulti, con operatori sanitari preparati per accogliere adulti e in compagnia di adulti. Appare, poi, profondamente disumano il totale disinteresse per i 150 bambini affetti da  deficit di Iga.

Nel  secondo caso, ci si chiede quali ragioni abbiano preclusa la stabilizzazione della dott.ssa  Lucia Leonardi e l’assegnazione alla sua esperta e competente gestione del reparto di immunologia pediatrica, i cui piccoli pazienti lei ha seguito per anni e dei quali conosce perfettamente tutte le problematiche derivanti dalle patologie, dalle quali essi sono affetti. Riesce difficile credere che i responsabili e gli operatori del reparto di allergologia, di grande    valenza e professionalità nel loro campo, potranno coordinare e gestire il reparto di immunologia pediatrica con la perizia, con la quale lo hanno condotto, fino ad ora, la prof.ssa  Duse e la  dott.ssa Leonardi. Sono stati chiesti chiarimenti e si è sollecitato un ripensamento   in merito  al  dott. Vincenzo Panella, direttore generale del Policlinico Umberto I, al  Ministro della salute, al Presidente della Regione Lazio e all’assessore regionale, con delega alla sanità, Alessio D’Amato.

Dalla Regione sono pervenute, per conoscenza, poche righe con le quali la Regione sollecita   a rispondere, a chi aveva chiesto chiarimenti, fornendo spiegazioni. Non è, però, arrivata  alcuna risposta … eppure i  nostri rappresentanti ribadiscono costantemente di essere     sempre disponibili a parlare con i cittadini, ad ascoltarli, a fornire loro i servizi di cui  necessitano!! …

 

Annarita Pellegrini


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti