Critiche alla futura ‘autostrada urbana’ Bufalotta-Jonio-Togliatti

"Non è la soluzione corretta per una mobilità sostenibile nei nostri quartieri"
Riceviamo e pubblichiamo - 22 Novembre 2007

Con la proposta di delibera comunale n. 218/2007 assesteranno la botta definitiva alla viabilità non solo della Bufalotta, ma dell’intero quadrante urbano nord-orientale cittadino.
C’è una logica tutta speculativa in questa operazione e la filosofia di favorire ancora una volta la motorizzazione privata. La nuova autostrada urbana Bufalotta-Jonio-Togliatti (che in pratica si configura come la proiezione della Roma-Firenze all’interno della città) porterebbe infatti a raggiungere ben presto livelli altissimi di inquinamento acustico e atmosferico, paragonabili a quelli raggiunti delle aree più centrali di Roma.
Ci sembra poco funzionale sul traffico, dato che la Palmiro Togliatti e il tronchetto della Roma-l’Aquila sono già quasi sempre al collasso.
In alternativa proponiamo la "circonvallazione verde", ossia il collegamento tramite sottovia, tra viale Jonio e la Togliatti a ponte Mammolo, senza impegnare il raccordo.

Con l’appoggio dell’opinione pubblica e delle forze politiche più responsabili, pensiamo poi che la "cura del ferro" ovvero il (già previsto) prolungamento della metro B1 a piazzale Jonio e fino a Bufalotta, è la soluzione corretta per una mobilità sostenibile nei nostri quartieri.

Luigi Cherubini
qdq Passo del Turchino
Italia Nostra IV Municipio

La Sposa di Maria Pia

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti