“Decentramento Amministrativo, Partecipazione e Rappresentanza”, l’assemblea del 27 gennaio a Cinecittà

Il resoconto di un partecipante
Riceviamo e pubblichiamo - 29 Gennaio 2017

Venerdì 27 gennaio 2017 si è svolta, presso la sede del VII municipio, in piazza di Cinecittà, un’assemblea pubblica di grande interesse sul tema “Decentramento Amministrativo, Partecipazione e Rappresentanza”, organizzata da “Cinecittà Bene Comune”, Coordinamento Reti Sociali del territorio VII Municipio.

Sono intervenute: Flavia Marzano, Assessore alla Semplificazione del Comune di Roma; Monica Lozzi, Presidente VII Municipio; Silvana De Niccolò e Consigliere Regione Lazio. Una rappresentanza istituzionale tutta al femminile, scelta rilevatasi ad hoc perché le donne, a mio avvisa, hanno una mentalità amministrativa migliore dei maschi e lo dimostrano nel loro approccio pragmatico ai problemi. I loro interventi, infatti, che non si sono estraniati dalla realtà contabile, lo hanno dimostrato.
L’oggetto della discussione ha riguardato il tema delle modalità di partecipazione dei cittadini alla Cosa Pubblica. In particolare, nel documento proposto al dibattito, si è stato affrontato l’argomento di come le politiche istituzionali debbano tener conto della volontà dei cittadini. Si ritiene, in tale documento, che la volontà dei cittadini non debba restringersi solo alla fase consultiva, ma debba poter avere un carattere anche deliberativo.
Tale principio, ovviamente snocciolato anche nella relazione iniziale e da alcuni intervenuti, ad avviso degli organizzatori è il punto di svolta della nuova politica partecipativa. Il concetto è chiaro e di grande bellezza, ma è la sua applicazione, purtroppo, che diventa complicata e, con modestia ho cercato di esprimere le mie remore nei circa tre o quattro minuti assegnati per il mio intervento. Noi uomini, ho tenuto a dire, siamo degli animali sociali molto complicati e la nostra natura ancestrale ci induce a privilegiare il bene individuale (retaggio dello spirito di sopravvivenza), e per correggere tale ancestralità, negli ultimi millenni della storia dell’umanità ci siamo concentrati sulle regole che potessero garantire l’ordine democratico, le stesse che hanno generato l’assegnazione dei poteri e dei ruoli previsti dalla Costituzione.
Comunque sia, ho molto apprezzato l’iniziativa fatta da gente entusiasta che vuole a tutti i costi impegnarsi per il bene comune, e lo fa davvero quotidianamente  con perseveranza. Come non sostenerli?
Dimenticavo, le Amministratici intervenute hanno espresso tutta la loro volontà, tenendo sempre d’occhio il portafoglio (non in assemblea), a portare avanti le azioni che meglio possano rispondere alle attese.
 
Elio Graziani

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti