Giano abbigliamento sportivo

“del Minotauro e di altre Bestie” al Teatro Biblioteca Quarticciolo 

Di e con Lavinia Anselmi, Marco De Bella, Sebastian Marzak, Francesca Zerilli. Il 10 e 11 dicembre ore 21.00, il 12 dicembre ore 17.00 
Redazione - 8 Dicembre 2021

Il 10 e l’11 dicembre (21.00) e il 12 dicembre 2021 (h. 17.00) va in scena, in prima nazionale, al Teatro Biblioteca Quarticciolo del Minotauro e di altre Bestie della giovane regista Francesca Zerilli con Lavinia Anselmi, Marco De Bella, Sebastian Marzak e la stessa Francesca Zerilli.

Lo spettacolo è un progetto sull’identità che parte da domande concrete e quotidiane che si pone l’autrice: “lavorare in teatro ha una natura intermittente – almeno quanto coinvolgente- e nei periodi di pausa faccio fatica a definirmi. Io quando non lavoro non so chi sono. Un paio d’anni fa ho iniziato a sviluppare questo pensiero in un percorso di ricerca che è passato per un laboratorio durante in quale mi sono confrontata con molti attori diversi, e che si è sintetizzato in uno spettacolo con tre attori, me compresa”.

Il testo attinge da molte fonti diverse, saggi filosofici, poesie, testi di antropologia, canzoni; tutti legati dal filo rosso della storia del Minotauro, nella versione di F. Dürrenmatt. Dürrenmatt posiziona il Minotauro dopo “lunghi anni di un lungo sonno confuso” in un labirinto di specchi, in cui pian piano lui imparerà a definirsi in relazione alle sue immagini riflesse, convinto siano altre creature; questo  permette di accompagnarlo nell’operazione di costruzione di sé, che nel racconto avviene in tappe molto specifiche: l’incontro con gli specchi, la prima relazione con un’altra persona -la fanciulla che poi ucciderà senza capirlo-, la più complessa relazione con Teseo – creatura apparentemente uguale e invece ingannatrice. Seguendo la storia del Minotauro emerge un percorso sull’identità, la sua parte più istintiva e quella più razionale.

<Atid Immobiliare

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti