Edoardo Petroni e Michela Pozzuoli vincono il Triathlon Sprint Silver capitolino

Adrenalina e sport domenica 23 maggio al Porto Turistico di Roma
Laura Politi - 23 Maggio 2021

Una mattinata all’insegna dell’adrenalina domenica 23 maggio 2021 al Porto Turistico di Roma. Alle 9:30 l’orologio ha segnato il via del Triathlon Sprint Silver, evento principe della due giorni di sport che si è svolta ad Ostia. Sabato 22 e domenica 23 il lungomare della capitale è stato infatti la sede del Revolution Roma Sport Week-end, evento multidisciplinare con gare di triathlon, paratriathlon, corsa e nuoto.

Sono stati oltre 800 gli atleti iscritti alle diverse competizioni e 250 i triatleti sulla linea di partenza del Triathlon Sprint Silver, il primo triathlon organizzato nel Lazio quest’anno e valido come prima tappa della Forhans Cup. A salire sul gradino più alto del podio maschile e femminile sono stati Edoardo Petroni del Team Ladispoli Triathlon e Michela Pozzuoli dell’A.S. Minerva Roma Triathlon. I due atleti hanno concluso la gara rispettivamente in 55 minuti e 27 secondi e in 1 ora 1 minuto e 50 secondi: questo il tempo impiegato per percorrere 750 metri a nuoto, 20 km in bicicletta e altri 5 km di corsa.

Al secondo posto tra gli uomini si piazza la giovane promessa a livello nazionale Alessandro De Angelis, a soli sedici secondi di distanza dal vincitore e seguito da Mauro Pera. A chiudere il podio femminile sono Marta Cozzi, con oltre un minuto di distacco dalla prima posizione, e Irene De Luca, a più di due minuti dalla vincitrice.

Per molti dei triatleti questa è stata la prima gara dopo un lungo periodo di stop dovuto alla pandemia.

Tanti sono stati i ragazzi che hanno registrato una doppietta, partecipando nella giornata di sabato al Triathlon Kids e cimentandosi domenica in un confronto con i triatleti “grandi”.

La competizione si è svolta nel rispetto delle norme anti-Covid.

Per evitare assembramenti all’inizio e durante lo svolgimento della gara, gli organizzatori hanno predisposto numerose e distinte partenze ogni 15 secondi.

Quando i primi triatleti sono arrivati nella zona cambio per inforcare la propria bicicletta, gli ultimi partecipanti non erano ancora partiti.

Adotta Abitare A

Ma il calore di chi si trovava ad assistere – a debita distanza – non è andato esaurendosi e ha accompagnato tutti gli sportivi: l’ultima triatleta è salita in sella alla propria bici sulla scia di un applauso di incoraggiamento.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti