Emozioni e tante risate all’Isola del Cinema

Il libro di Enrico Montesano e l’incontro con il regista Luca Lucini illuminano ancora le notti d’estate romane
di Mariangela Di Serio - 3 Settembre 2011

Inizia il mese di settembre ma le novità non sono ancora finite sull’Isola Tiberina. Emozioni e tante risate con la presentazione del primo libro di Enrico Montesano “Un alibi di scorta” che ha fatto da cornice ad un serata all’insegna della commedia all’italiana movimentata poi dall’intervento del regista Luca Lucini che ha introdotto il suo ultimo film “La donna della mia vita” con Luca Argentero, Alessandro Gassman, Valentina Lodovini e Stefania Sandrelli.

“Un esordio sorprendente quello di Montesano che rivela uno scrittore di talento”, così acclama il sottosegretario dei Beni e delle Attività Culturali Francesco Giro sul palco dell’Arena Grande dell’Isola del Cinema.

Il comico romano sorridente e brillante come sempre si rivela mattatore della serata presentando con simpatia il suo primo libro che vuole essere un omaggio al cinema italiano e alla romanità.

Conclusa la presentazione del libro, il popolare attore cede il posto sul palco al giovane regista italiano Luca Lucini.

Il regista, divenuto popolare per aver realizzato nel 2004 “Tre metri sopra il cielo”, pellicola che ha consacrato Riccardo Scamarcio nuovo sex-symbol del cinema italiano, ha diretto altre commedie sentimentali come “L’uomo perfetto” sempre con protagonista Scamarcio e “Solo un padre” con Luca Argentero.

Il regista presentando il suo film lo definisce come: “Una commedia con sapore antico ma con uno sguardo al moderno. La figura di una madre, interpretata da Stefania Sandrelli, che rappresenta l’italianità”.

Il copione scritto da Cristina Comencini racconta la storia di due fratelli Leonardo e Giorgio, molto diversi tra loro. Tanto il primo è affidabile e sensibile, quanto il secondo è incostante e donnaiolo. E tuttavia i due sono sempre stati uniti. Almeno fino al giorno in cui Giorgio scopre che la nuova fidanzata del fratello è Sara, con la quale ha avuto una delle sue turbolente relazioni extraconiugali. Spetterà quindi alla madre Alba ripristinare l’ordine familiare e lo farà non senza sorprese e colpi di scena che provocheranno un grande scompiglio.

La pellicola con i suoi 96’ ha divertito il pubblico che ha riso nei momenti comici del film e ha concluso una serata dal sapore dolce sotto il cielo di una Roma che brilla ancora d’estate. 

Adotta Abitare A

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti