Fumi tossici a viale dei Romanisti

Lo sfogo di un cittadino
dall' email di un lettore - 26 Novembre 2007

Ancora fumi tossici respirati dai cittadini di viale dei Romanisti. Il solito fumo proveniente dal campo nomadi Casilino ‘900, causato dal rogo di materiale plastico ed immondizia varia, ha impregnato l’aria  il 25 novembre, dalle ore 9.00 fino al tardo pomeriggio. Al numero verde 800253608 del Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri, risponde una segreteria telefonica alla quale si chiede di lasciare un messaggio.I Vigili del VII Municipio dicono che sono già intervenuti una volta, ma che non possono mobilitarsi nuovamente, a meno che non vi sia uno stato di emergenza. Il sindaco Veltroni non ci ascolta perché è impegnato per il P.D. In questi giorni ci sono stati consigli Municipali straordinari, convegni e dibattiti sulla sicurezza, decreti sull’ordine pubblico. Tante parole si sono ascoltate in questo periodo. Ma, nel frattempo, i cittadini di Viale dei Romanisti continuano a respirare diossina e veleni vari. A nulla sono valse le proteste presso la sede dei Municipi VII e VIII, presso il Comune di Roma e presso le Autorità preposte. Mentre a Ponte Mammolo, Tor di Quinto, Vicolo Savini fanno gli sgomberi dei campi abusivi, a Casilino ‘900 invece si costruiscono nuove baracche e dai 600 abitanti di qualche mese fa. Oggi ne vengono stimati circa 1000. Abitiamo in un quartiere dove il rispetto verso l’ambiente e i cittadini residenti non esiste affatto. Oltre al campo nomadi e agli sfasci autorizzati dal Comune, adesso abbiamo avuto anche il restringimento della carreggiata della Togliatti che provoca altro inquinamento a causa del traffico rallentato. Ci si ricorda di Torrespaccata solo nelle elezioni politiche e quando bisogna pagare le tasse comunali. A chi dobbiamo rivolgerci per far valere i nostri diritti?


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti