Gelo tra il prefetto Mori ed il delegato alla sicurezza Ciardi

Il PD incalza: “si definiscano le responsabilità”. L’intervento di Alemanno: “non ci sono problemi né dimissioni in vista”
A.M. - 5 Novembre 2009

Le tensioni nello staff di Alemanno viaggiano in un botta e risposta mediatico tra il prefetto Mori e il delegato alla sicurezza Ciardi. A far vacillare il rapporto – già traballante – tra i due, una missiva del 3 novembre nella quale Mori, responsabile dell’Ufficio coordinamento politiche per la sicurezza del Comune, dichiara “non parteciperò a nessuna futura riunione se prima non addiverrò ad un chiarimento con l’on. Sindaco sulle mie attribuzioni". Mori fa poi sapere che non avrebbe preso parte alla riunione prevista per il 4 novembre, alle 15, e dedicata all’organizzazione della sezione operativa del Gruppo sicurezza urbana (Gssu) dei vigili urbani specializzato sull’ “emergenza nomadi” e a nessuna futura riunione senza un previo chiarimento con il sindaco Alemanno sulle attribuzioni spettanti al suo ruolo. Il 30 ottobre scorso, in un’altra lettera lo stesso Prefetto aveva, già, messo in dubbio che il delegato del Sindaco per le Politiche della sicurezza avesse il potere di convocare una riunione sull’argomento.

Ciardi ammette di “non condividere l’interpretazione data dal generale Mori su quelle che sono le competenze all’interno del settore sicurezza” tuttavia ribadisce la stima personale ed istituzionale nei confronti di Mori chiedendo ad Alemanno di intervenire “per una definitiva chiarificazione sull’attribuzione delle competenze organizzative e politiche”.

Alemanno si trova così, ancora una volta, a fare da paciere all’interno del suo staff. A margine della firma del protocollo tra il Comune di Roma e Telethon interviene sull’argomento: “stiamo ristudiando la squadra che si occupa di sicurezza affinchè sia sistemata entro la prossima settimana, ma – rassicura il Sindaco – non ci sono grossi problemi o dimissioni in vista”.

Il Pd non se ne sta in sordina ma prende la palla al balzo per commentare l’accaduto e allo stesso tempo criticare l’attribuzione delle deleghe da parte del Sindaco. “Sulla sicurezza- dichiara il vice-capogruppo del PD in Campidoglio Mario Mei – il Sindaco e la giunta comunale facciano Auting. Infatti non si riesce a capire come dopo un anno e mezzo di amministrazione di centrodestra a Roma lo stesso sindaco ammetta di dover ridefinire le competenze di ognuno.
Ormai sui temi della sicurezza a Roma si affollano interlocutori politici e amministrativi in una confusione di competenze che interessano i vari delegati del Sindaco in Consiglio Comunale, i vertici della Polizia Municipale, la “Sala sistema Roma” e l’ufficio speciale del generale Mori.
Unico risultato è il drammatico aumento di episodi di violenza.
A questo punto non si capisce se unicamente per negligenza o solo per propaganda e immagine l’amministrazione comunale spende oltre 500 mila euro per i compensi del gen. Mori e dei suoi più stretti collaboratori ed impegna decine di funzionari comunali senza che nessuno abbia ben chiaro cosa fare.
E’ inaccettabile apprendere che una importante risorsa e competenza dello stato come quella riconducibile al gen. Mori sia trattata con questa insulsa sciatteria da dilettanti allo sbaraglio che si baloccano con temi importanti come quelli della tutela dei cittadini.

"Lo avevamo già più volte anticipato che i responsabili sulla sicurezza erano fin troppi". Rincara la dose il consigliere comunale del pd Dario Nanni. "Per risolvere questioni interne, il Sindaco ha continuato a dare incarichi e deleghe che hanno prodotto inevitabili sovrapposizioni di competenze. A questo punto ci chiediamo se per risolvere anche questa vicenda continuerà a distribuire incarichi o capirà che i problemi si risolvono non dispensando pennacchi, ma nel merito delle questioni, sulle quali, tra l’altro, ha basato la sua campagna elettorale.  Mai come in questa occasione la somma delle deleghe e degli incarichi non ha prodotto di sicuro alcun  risultato positivo, come ad esempio sulla vicenda dei campi nomadi".


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti