I Sette Re di Roma e i giovani dai capelli d’argento

Al teatro della parrocchia di Santa Bernadette a Colli Aniene il 30 e 31 maggio
di F. Acerbetti - 14 Maggio 2009

Torna alle luci della ribalta la Compagnia teatrale “I giovani dai capelli d’argento”, che da tempo anima il Centro anziani di piazza Meuccio Ruini a Colli Aniene.
Il 30 e il 31 maggio, alle 17, presso il teatro della parrocchia di Santa Bernadette in viale Ettore Franceschini, verrà replicato il lavoro teatrale di Luigi Magni “I sette re di Roma” per l’adattamento di Massimo Marcucci, la scenografia di Nino Fiorelli e i costumi di Marisa Lucantoni.

I sette re di Roma è una leggenda musicale in costume, in due atti e venticinque quadri, che racconta le vicende della fondazione di Roma attraverso i suoi 7 Re: da Romolo a Tarquino il Superbo. In questo grande affresco storico, scorre la storia di Roma e dei suoi protagonisti con allusioni e riferimenti alla realtà contemporanea.

Ricordiamo brevissimamente che Luigi Magni è considerato il re del cinema romano. La sua carriera inizia la come sceneggiatore e soggettista. Nel 1956 approda nel cinema lavorando con i più importanti registi italiani dell’epoca: Mario Monicelli, Luciano Salce, Mauro Bolognini, Camillo Mastrocinque, Giorgio Bianchi.
Il grande successo arriva a Magni con "Nell’anno del Signore" (1969), poi con "Tosca" (1973), "In nome del Papa Re" (1977) che fa vincere al regista il primo David di Donatello, e fermiamoci qui.
Nel 2008, a 80 anni, riceve il terzo David di Donatello per celebrare i 40 anni di attività registica.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti