Il Cammino per Oz

Il musical al Teatro Vascello dal 3 al 23 novembre. "Firma la petizione per salvare questo teatro"
di Cristina Colaninno - 30 Ottobre 2007

Ritorna il 3 novembre per rimanervi fino al 23 dicembre 2007 lo spettacolo, già in scena nella scorsa stagione, Il Cammino per Oz, un musical liberamente tratto dall’opera letteraria di L. Frank Baum per la regia di Giancarlo Nanni con gli adattamenti di Manuela Kustermann. Ulteriori repliche sono previste anche per il periodo compreso fra il 15 febbraio ed il 30 marzo 2008.

Lo spettacolo della durata di un’ora è stato realizzato dagli studenti del Dams di Roma Tre ed era inizialmente stato ideato per i bambini ma successivamente si è pensato di proporlo anche ad un pubblico adulto. Le canzoni sono state completamente riscritte da Gianluca Testa, durante le prove per lo spettacolo del 2006 è nata in maniera quasi spontanea una melodia per ogni personaggio e le musiche vanno dal pop al rock fino al blues.

Il Mago di OZ è una della più belle avventure nel mondo della fantasia, dove i desideri e le speranze vengono alla fine realizzati attraverso avventure e vicissitudini che riempiono di paura e terrore i poveri protagonisti. Tutti ricordano il famoso film con Judy Garland, ma il Mago di OZ è stato il livre de chevet di milioni di bambini e adulti, non solo americani, che ne seguivano le avventure sui giornali dell’epoca.

Esiste inoltre una problematica legata al teatro Vascello stesso, la possibilità che questo importante teatro della capitale debba chiudere i battenti. Per impedirlo è possibile firmare la petizione all’ingresso del teatro oppure firmare on line al seguente link: http://www.teatrovascello.it/petizione_vascello.htm

Info: www.teatrovascello.it

Via G. Carini 78 a Monteverde Vecchio

Tel: 06 5881021 – 06 5898031 – fax 06 5816623 info@teatrovascello.it
Prenotazioni spettacoli e biglietteria:
lunedì dalle 10.00 alle 17.00; dal martedì a venerdì dalle 10.00 alle 21.00
sabato dalle 15.00 alle 20.00 e domenica dalle 10.30 alle 20.00


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti