Il Museo itinerante dei bambini per renderli consapevoli dei loro diritti

Organizzato da ViviaColori da 0 a 100. Prossimo appuntamento il 15 dicembre
Patrizia Artmisio - 22 Novembre 2019

Non c’entra Oliver Twist, nessuno spazzacamino londinese da salvare, tantomeno si tratta di David Copperfield, nulla che Dickens possa più raccontare. Con la Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia dell’ONU abbiamo medicato il passato e tracciato una più dignitosa mappa del pensiero e dell’agire in tutela dell’uomo quando ancora è in divenire. Ma la sfida è ancora aperta, a coglierla c’è l’Associazione ViviaColori da 0 a 100 che lavora con famiglie e bambini a cui i diritti sono stati lesi. Si tratta di “figli di genitori separati a cui un genitore ha vietato direttamente o indirettamente di frequentare il genitore non convivente – spiega la dottoressa Micaela Zucca – bambini bullizzati, bambini abusati fisicamente e/o psicologicamente, bambini non rispettati dalle istituzioni o dai genitori.”

La dottoressa Zucca è responsabile del progetto CRESCO Museo Itinerante e racconta: “il vice presidente Antonio Ceccarelli ha proposto di realizzare in legno 5 postazioni smontabili da arredare ognuna in funzione del diritto da rappresentare e di portarle in giro per rendere i bambini consapevoli dei loro diritti.

Le situazioni gioco sono presentate da psicologi e pedagogisti dell’Associazione e dalle istituzioni preposte alla tutela dei minori.
In ciascun luogo portiamo le 5 postazioni e dopo qualche mese, torniamo con le postazioni arredate diversamente a rappresentare altri diritti fino a rappresentarli tutti”.

Quando sarete a Roma?

“Il 15 dicembre presso il pallone eventi Eschilo2 in via del Fosso di Dragoncello 201, zona Axa, dalle 10 alle 19 con anche il Mercatino Creativo, l’animazione e laboratori per bambini.”

Quali diritti rappresenterete?

”Porteremo il Diritto alla Salute, con la CRI del X Municipio, che presenterà insieme ai nostri professionisti una situazione gioco precostituita e fornirà informazioni ai genitori sulle manovre di disostruzione pediatrica.
Il Diritto al Gioco, con una situazione gioco volta a trasmettere a bambini e genitori il diritto dei minori a non essere sovracarichi di impegni e favorire invece il gioco libero.
Il Diritto a non venire separato dai genitori, con un gioco che simula l’esperienza dell’allontanamento da casa di uno dei genitori per viaggio, qui i bambini avranno a che fare con mappamondi, aeroporti, biglietti da timbrare e camerette da scoprire in casa del genitore lontano.
Il Diritto al Benessere, per conoscere cosa mangiano, esaminandone la qualità e la provenienza.
Al termine del percorso – conclude la dr.ssa Zucca – il bambino riceverà un diploma e potrà visitare l’interno dell’ambulanza ludica della CRI e la vettura di servizio IBRID dell’Arma dei Carabinieri”.

A quale fascia di età si rivolge il Museo Itinerante CRESCO?

“Il percorso-gioco formativo è rivolto ai bambini dai tre anni in poi, ma ci sono tante attività anche formato gigante per età da 1 a 100 anni!”.

Per contattare l’associazione ViviaColori tel 3515155092, anche per sponsorizzazioni e/o donazioni.

Quando infine tutto rientrerà nella borsa di Mary Poppins per volare altrove, noi sapremo ormai aggiustare il famoso aquilone… “so let’s go fly a kite, up to the highest height”. (Walt Disney).

Patrizia Artemisio


Commenti

  Commenti: 1


  1. Molto interessante e utile per rendere i bambini consapevoli dei loro diritti.
    Dangius

Commenti