La poesia multimediale di Garcìa Lorca sbarca al Teatro Greco

In 'Di qui a cinque anni' l’inedito omaggio di Marco Schiavoni e Caterina Genta
di Gianluca Parisi - 28 Gennaio 2009

Veste inedita per la drammaturgia lirica di Federico Garcìa Lorca, elegantemente desacralizzata in questa rilettura di una sua pièce-simbolo, Da qui a cinque anni (al Teatro Greco fino al 1 Febbraio), che nelle mani del tandem artistico Caterina Genta e Marco Schiavoni diventa un ammaliante spettacolo multimediale con scenografie digitali ed attori in video. L’iniziativa è inserita nell’abbonamento trasversale del Comune di Roma e fa parte del Progetto Speciale Teatro 2008/2009 realizzato dall’Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione.

La Dattilografa ama il Giovane, ma egli è innamorato della Fidanzata che parte con il Padre. Il Giovane deve aspettare cinque anni per poterla sposare. Quando il Giovane va a casa della Fidanzata scopre che è innamorata del Giocatore di Rugby. Il Giovane si ricorda della Dattilografa e le dichiara il suo amore, ma lei gli chiede di aspettare cinque anni…

La presenza demiurgica dell’ispirato videomaker Marco Schiavoni, che fonde tecnologie digitali ed immagini cinematografiche, crea una piattaforma virtuale dall’atmosfera rarefatta e sospesa, che restituisce l’universo lirico-simbolico di Lorca in un interessante cortocircuito con la presenza in corpo e voce di Caterina Genta, avviluppata nel suo one woman show fatto di recitazione, canto e danza. La Genta, sdoppiata e triplicata, dialoga a più riprese con gli attori digitali proiettati sugli schermi e con il suo io disseminato nei personaggi del Giovane, della Fidanzata e della Dattilografa.
Lo spazio scenico interagisce costantemente con la videoscenografia digitale, che amplifica in un’ipnotico trompe l’oeil le risonanze del testo poetico e le molteplici chiavi di lettura.
Forse era magari auspicabile una maggiore chiarezza nella direzione interpretativa, ma nel complesso uno spettacolo godibile, interpretato con compostezza e pathos dalla Genta e, soprattutto, decisamente fuori dagli schemi.

Teatro Greco – Via Leoncavallo 10, 00199 Roma
Biglietto intero: € 25,00 – biglietto ridotto Cral: € 15,00 – biglietto ridotto giovani, università, scuole: € 15,00
27, 28, 29, 30 31 Gennaio – ore 21.00
1 Febbraio – ore 17.30
Per informazioni e prenotazioni: 06.8607513 – promozione@teatrogreco.it

Silvia Antenucci
Ufficio Stampa Teatro Greco
Via Arrigo Boito, 43-00199 Roma
Tel. +39 06 8608047
Fax +39 06 8608010
Email: info@teatrogreco.it – www.teatrogreco.it


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti