Manifestazione per la riapertura di Villa Tiburtina

Venerdì 12 marzo ore 15,30 sotto la Regione Lazio
Comunicato stampa - 10 Marzo 2021

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa:

“I responsabili dell’attuale crisi sanitaria non sono il Covid-19 e le sue varianti, quanto piuttosto la mancanza di fondi strutturali e personale di cui soffre la nostra sanità. L’emergenza attuale arriva dopo la gestione fallimentare dell’ultimo anno, di cui la vicenda dei vaccini è solo l’ultima in ordine di tempo.
Già lo scorso anno nella Regione Lazio abbiamo avuto modo di vedere come una grossa fetta sia andata ad ingrassare direttamente la sanità privata… Come verranno spesi quei miseri 8 miliardi da dividere con la telemedicina in arrivo dall’Unione Europea?
Nel frattempo nei nostri territori vediamo sempre più smantellare presidi sanitari pubblici e far proliferare solo servizi privati a pagamento!
I quartieri di Rebibbia, Ponte Mammolo e Casal dè Pazzi hanno espresso in ogni modo l’esigenza dell’immediata apertura di un presidio pubblico in grado di prendere in carico i bisogni socio-sanitari degli abitanti. Lo dicono le circa 3000 firme in quartiere che chiedono a Regione, Asl ed Università la riattivazione di Villa Tiburtina, chiusa da anni e lasciata a marcire.
Dopo tutti solleciti possibili la Regione, responsabile delle politiche sanitarie, si è sottratta a qualsiasi interlocuzione. Andiamo quindi noi a chiedergli un incontro immediato per la riapertura di Villa Tiburtina e di presidi sociosanitari pubblici in ogni quartiere!

Venerdì 12 marzo ore 15,30 Manifestazione sotto la Regione Lazio
Via R. Raimondi Garibaldi

Campagna “Riapriamo Villa Tiburtina”
Coordinamento Regionale Sanità

Info e contatti: +393485615247 – +393289146008
riapriamovillatiburtina@gmail.com”

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti