Memorie del Teatro Valle: Eleonora Duse

Lunedì 25 marzo 2019 terzo appuntamento del ciclo di incontri dedicati alle grandi attrici
a cura di Bruno Cimino e Bruna Fiorentino - 22 Marzo 2019

Prosegue il ciclo di quattro incontri Gli anni perduti del Teatro Valle, dedicati alle storie delle grandi attrici che hanno recitato e abitato la storica sala. Terzo appuntamento lunedì 25 marzo (ore 20) nel foyer del teatro con Eleonora Duse raccontata attraverso le voci di Alvia Reale e Simone Francia che daranno vita ai testi a cura di Emanuela Pistilli. Ingresso libero

La storia di Eleonora Duse, nata in una famiglia di commedianti il 3 ottobre 1858 e destinata fin dalla culla al mestiere dell’attrice, ricalca quella delle eroine tragiche dei romanzi ottocenteschi, dalla sua ascesa fino alla sua morte in un albergo a Pittsburgh il 21 aprile 1924. Cresciuta al seguito della compagnia teatrale dei genitori, Eleonora Duse conosce fin da giovane il dolore della perdita e dell’abbandono, dalla precoce morte della madre a quella del primo figlio, nato da una relazione clandestina. Questa attrice dall’aspetto minuto e dall’aria esaltata, quantomeno singolare se non brutta secondo i canoni estetici dell’epoca, seppe imporre un nuovo modo di recitare. Come ebbe a scrivere Hermann Hesse “la sua recitazione, anche quella della mani, era favolosamente fine e trascinante; la sua voce era capace di ogni sfumatura, riuscendo ad essere commoventemente infantile o a far gelare il sangue nelle vene”. Eleonora Duse seppe dare una impronta naturale e plastica alla sua recitazione, rifiutando ogni forma di mascheramento che potesse in alcun modo alterare la sua presenza. Convinta della necessità per l’attore di annullarsi nell’opera del poeta, di essere un mezzo anonimo sacrificato all’arte, Eleonora Duse si impose come la più grande attrice italiana di fine secolo. Tornata a recitare all’età di sessantacinque anni, Eleonora Duse ne La donna del mare di Ibsen, rappresentata a Torino nel 1921, inaugurò una nuova fase della sua arte, definita dai critici spirituale e religiosa.
La sua storia turbolenta con Gabriele D’Annunzio, diversamente dalla lunga relazione segreta con Arrigo Boito, divenne di dominio pubblico, destando pettegolezzi e scandalo. Nonostante i numerosi tradimenti amorosi e artistici di D’Annunzio, la Duse decise in modo irremovibile di unire per anni la sua vita artistica a quella del Poeta, imponendo in Italia e all’estero le opere di D’Annunzio. Nel 1923, nonostante il parere negativo dei medici, la Duse decise di partire per una tournée in America, consapevole che era nata e sarebbe morta, come ogni attore di rango, sulle sue adorate tavole di legno.

Il ciclo di incontri si inserisce nel programma di attività Interludio Valle curato dal Teatro di Roma e promossa all’Amministrazione Capitolina che animerà gli spazi del Valle. Si tratta di un “palinsesto” di attività, diversificate per linguaggi e discipline, che non prevede lo svolgimento di spettacoli teatrali, ma naviga attraverso differenti espressioni artistiche ed esperienze innovative dedicate alla storia della sala settecentesca – da installazioni a visite speciali, da mostre a creazioni site-specific – che consentiranno di svolgere attività nel rispetto dei limiti imposti dalle attuali condizioni e caratteristiche storiche dello stabile.

 

info

TEATRO DI ROMA – TEATRO NAZIONALE

25 marzo 2019 Teatro Valle

www.teatrodiroma.net

06.684.000.311/314

 

a cura di Bruno Cimino e Bruna Fiorentino

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti