Per fortuna è una notte di luna

Al Teatro Vittoria la pièce emozionante di Gianni Clementi
di Giulia Ricci - 23 Novembre 2009

Debutterà in prima assoluta al Teatro Vittoria, in piazza. S. Maria in Liberatrice 10, il 24 novembre 2009 lo spettacolo teatrale di Gianni Clementi “Per fortuna è una notte di luna”.

Per la regia di Stefano Messina, la pièce porta lo spettatore a spasso nel passato, più precisamente in tre date significative nella storia; la prima tappa è il 21 luglio 1969, evento dell’allunaggio, primo passo sulla Luna per l’uomo.

La scena si svolge in un palazzo signorile a Roma, dove, mentre un muratore sta lavorando ad un manufatto abusivo di un terrazzo, una famiglia si sta attrezzando per poter assistere all’aperto all’evento televisivo dell’allunaggio.

Nel cielo, la luna brilla e illumina le vicende dei personaggi : genitori, figli, nuore e futuri cognati che discutono, ridono, si stuzzicano a vicenda.
A cercare una tregua è Olga, la moglie del classico capo famiglia che vuole sempre decidere tutto e mamma di tre figli: Marina, figlia adottiva aspirante suicida, Mariano, scapestrato che sogna l’ America, e Mario con vistosa moglie a carico.
Serata e litigi sono interrotti dalla polizia che irrompe in casa arrestando il fratello di Olga, ex partigiano e stralunato poeta; intanto l’astronauta Amstrong si appresta a compiere il primo passo sulla luna, testimone da sempre silenziosa e mai così vicina, della storia dell’umanità.
Ma la stessa famiglia sarà protagonista del racconto, passando per altre vicende importanti come il 1978, anno del rapimento di Aldo Moro e il 1993 che segna la fine della Prima Repubblica.

A scandire il tempo che passa le canzoni cantate dai personaggi nelle varie epoche e… la terrazza del palazzo, sempre più abusiva, testimone del racconto di una famiglia variegata, problematica ma speranzosa ed emozionante, un po’ come tutta l’umanità in fondo.

Lo spettacolo sarà in scena fino al 20 dicembre, per info visitare il sito www.teatrovittoria.it


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti