Laboratorio Analisi Lepetit

Pigneto, estensione ztl e ordinanza anti vetro

Ciardi(Pdl):"Accogliamo con interesse la proposta del presidente Palmieri"
Enzo Luciani - 11 Giugno 2009

Qualche mese fa, in contemporanea alle ordinanze del Campidoglio per regolamentare la vita notturna nel centro storico, i presidenti di alcuni municipi di Roma avevano chiesto attenzione al Sindaco ricordando che la capitale, anche in altre zone meno centrali, aveva le stesse esigenze e problematiche. Per questo Palmieri, minisindaco del VI, ha chiesto ad Alemanno di non dimenticare il Pigneto, storico quartiere, ricco di locali, diventato negli ultimi anni un punto di riferimento importante per la vita notturna romana.

"Accogliamo positivamente e con interesse la proposta avanzata dal presidente del VI Municipio, Giammarco Palmieri, per una regolamentazione della “movida” sul territorio del Pigneto". A dichiararlo è Giorgio Ciardi, delegato del sindaco per le Politiche della sicurezza. "Evidentemente – continua Ciardi – l’ottimo lavoro svolto dal Sindaco e dal delegato al centro storico, Dino Gasperini, ha sortito gli effetti desiderati se anche altre zone della Capitale chiedono che possano essere applicate le stesse linee guida, con le modifiche del caso, che regolano le notti romane del centro. Siamo disponibili ad una concertazione con le attività commerciali della zona del Pigneto per poter così ulteriormente migliorare il tenore di vita del Municipio diventato ormai da tempo luogo di ritrovo e svago per migliaia di persone che, soprattutto con l’arrivo della bella stagione, aumentano la loro presenza nelle strade e nei locali del quartiere. Verificheremo la disponibilità e la fattibilità dell’estensione della Ztl notturna e dell’ordinanza anti-vetro anche in quella zona, per garantire notti sicure e tranquille sia ai residenti, sia ai giovani che frequentano il Pigneto. Possiamo, dunque, dare assicurazione fin da ora del nostro massimo impegno affinché il quartiere possa essere vissuto con ancor maggiore serenità dai cittadini".

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti