Categorie: Casa
Municipi: ,

Primo incontro sindacati inquilini Sunia, Sicet ed Uniat con il neo-Assessore Tobia Zevi

Emergenza sfratti, funzionamento del dipartimento, ricognizione rigorosa dell'intero patrimonio pubblico, bandi e graduatorie, i temi caldi
Si è svolto lunedì 29 novembre il primo incontro dei sindacati inquilini Sunia, Sicet ed Uniat di Roma con il neo-Assessore al Patrimonio ed alla Casa di Roma Capitale Tobia Zevi.
I sindacati esprimono un giudizio positivo sull’incontro, a partire dal metodo, che prevede, a seguito di una prima generale disamina effettuata, momenti successivi di approfondimento su ogni singola criticità individuata.
Emergenza sfratti, funzionamento del dipartimento, ricognizione rigorosa del patrimonio sia del Comune che delle altre pubbliche amministrazioni (Regione, Ipab, enti previdenziali, ecc.), stato di lavorazione dei bandi e aggiornamento delle graduatorie, i temi da affrontare.
Dando priorità all’emergenza, ci si attende un primo intervento dell’Amministrazione sulla gestione degli sfratti esecutivi, in coordinamento con la Prefettura, affinché alle famiglie in condizioni di fragilità venga garantito il passaggio di casa in casa
Viene ritenuto prioritario, per poter dare corpo a qualunque progetto, un forte investimento sul personale per riportare il Dipartimento ad un livello accettabile di efficienza, visto che oggi risulta inadempiente su tutte le lavorazioni di istruttorie (a partire dal contributo COVID non ancora erogato, alle graduatorie Erp da aggiornare, fino alle nuove assegnazioni di alloggi).
È stata infine sottolineata la necessità di adeguare le condizioni di accoglienza e ricezione dei cittadini che si rivolgono all’assessorato al livello minimo di dignità e rispetto delle persone, che negli ultimi anni è stato purtroppo negato.
Verrà quindi definito un calendario di lavoro per riconvocare il tavolo e cominciare a proporre soluzioni pratiche per le varie problematiche.

Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento