Quadraro, i cittadini decidono destinazione d’uso dell’edificio di via Sagunto

Redazione - 30 Novembre 2022

Ripartono i lavori di riqualificazione dell’edificio Ater in via Sagunto nel VII Municipio di Roma. Il progetto originale dello stabile è del 1958, ma non è mai stato completato. Progettato da Nicolini e De Renzi, l’immobile ha una superficie imponente: si estende su oltre 1700 metri quadrati distribuiti su due livelli. Per decenni è stato lasciato in condizioni di estremo degrado, ma a novembre dello scorso anno sono state realizzate le prime opere di bonifica e di messa in sicurezza della struttura, per poi avviare la fase di consultazione con i comitati, le associazioni e i cittadini del quartiere, chiamati a decidere il futuro di questo spazio pubblico.

Ora il cantiere riparte grazie a un ulteriore investimento della Regione Lazio, che ha assegnato all’Ater oltre 3 milioni di euro per la ristrutturazione dell’edificio, un altro importante capitolo del programma di rigenerazione urbana promosso dall’Amministrazione Zingaretti.

Dopo i risultati del “concorso di idee”, gli interventi di riqualificazione prevedono al piano terra uno spazio culturale e sale per attività ricreative e di socializzazione, mentre al primo piano un centro antiviolenza e per il sostegno alla legalità. All’esterno un giardino pubblico e un parco giochi per bambini.

“Abbiamo promosso un percorso partecipato per ascoltare i cittadini e ricevere le loro proposte sulla destinazione di questo spazio pubblico finora abbandonato: un centro antiviolenza e di sostegno alla legalità, ma anche un luogo di cultura e di socializzazione per tutte le età. Si comincia a scrivere una nuova pagina per restituire questa preziosa struttura ai residenti del Quadraro, continuando a rigenerare il tessuto urbano di questa città” afferma Massimiliano Valeriani, assessore alle Politiche abitative della Regione Lazio.

Pubblicità elettorale Regionali 2023
Titanio Leonardo Cesarini
Ecce Vinum

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti