Quella notte all’Idroscalo

L'opera teatrale di Carlo Selmi, che ne ha curato la regia, è stata rappresentata con successo sabato 5 marzo al Teatro degli Eroi
Redazione - 7 Marzo 2022

Sabato 5 marzo 2022 al Teatro degli Eroi è stata rappresentata l’opera teatrale di Carlo Selmi “Quella notte all’Idroscalo”, “in anteprima mondiale” come ha sottolineato scherzosamente l’autore, ma è la verità,

Nel giorno in cui ricorreva l’anniversario della nascita di Pasolini è stato quindi rappresentata la sua morte, avvenuta nella infausta notte tra il primo e il 2 novembre del 1975, in una ricostruzione teatrale di grande rigore e di grande effetto scenico, con il martellante susseguirsi di date ed eventi che l’hanno preceduta attraverso immagini in bianco e nero.

La prima rappresentazione del dramma si è svolta alla presenza di un pubblico che ha disciplinatamente gremito il teatro ed è stata seguita da un dibattito con la partecipazione dello scrittore Italo Moscati, del regista Carlo Selmi e dello scrittore nonché delegato del Presidente del V alle celebrazioni del Centenario pasoliniano Francesco Sirleto.

Il dramma, molto intrigante e suggestivo, che ha tenuto avvinti per circa 90 minuti il pubblico, si basa sui risultati univoci di una pluralità di inchieste giornalistiche e d’archivio, demolisce le sentenze di secondo e terzo grado del processo a Pino Pelosi.

Ribadisce inoltre la tesi di un assassinio commesso da più persone dietro le quali si nascondono potenti mandanti. Inoltre il testo collega il delitto Pasolini con l’attentato che mise fine, nel 1962, alla vita di Enrico Mattei, e con la sparizione, nel 1970, del giornalista Mauro De Mauro.

Un’opera di grande spessore, storico e linguistico che, lo auspichiamo, possa essere vista anche all’interno delle scuole medie superiori.

Un plauso all’autore e regista Carlo Selmi, ai bravissimi attori e agli organizzatori della Uilt Lazio Stefania Zuccari ed Henos Palmisano in veste anche di abile conduttore della serata.

Adotta Abitare A

Lo spettacolo sarà replicato al Teatro degli Eroi il 25, 26 e 27 marzo.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti