Riapriamo Villa Tiburtina!

Sabato 7 novembre 2020 alle ore 16 Assemblea Pubblica al Parco Cicogna
Redazione - 2 Novembre 2020

Sabato 7 novembre 2020 alle ore16 al Parco Cicogna in via Furio Cicogna angolo via Giovanni Palombini (In caso di pioggia all’ex centro commerciale di via Palombini), organizzata da Forum per la Tutela del Parco di Aguzzano e Casale Alba Due si terrà un’Assemblea Pubblica sul tema: Riapriamo Villa Tiburtina.

L’assemblea si svolgerà nel pieno rispetto delle norme di distanziamento anti Covid-19

Farmacia Federico consegna medicine

Riportiamo qui di seguito il comunicato degli organizzatori.

Che fine ha fatto la Sanità pubblica?

Nella sola città di Roma sono saltate circa 1 milione di prestazioni, a causa dell’emergenza sanitaria del Covid-19. Sempre più l’unica soluzione offerta è quella di pagare visite e prestazioni in intramoenia o rivolgersi direttamente alle strutture private.
Lo stesso sta avvenendo per test e tamponi a pagamento!
Un circuito che più che a salvaguardare e promuovere la salute tende immancabilmente a estrarre profitti dalla malattia. Un sistema che per prosperare ha bisogno che i servizi pubblici non funzionino e che deve rendere difficile l’accesso all’assistenza per quote crescenti di popolazione.

CHIEDIAMO SUBITO
La riapertura di Villa Tiburtina, ambulatorio pubblico chiuso ormai da anni situato a via Casal de’ Pazzi 16, che costituiva un importante polo sanitario del territorio a pochi passi dalla fermata della metro Rebibbia
Che sia applicato quello che è scritto da anni negli obiettivi e le programmazioni di leggi e piani sanitari mai attuati.
Un polo sanitario pubblico che abbia un rapporto di prossimità con la popolazione di un territorio definito
Una struttura che sia in grado di “prendere in carico” i bisogni sanitari delle persone: definire, programmare, rendere usufruibili i percorsi sanitari necessari.
Dove siano presenti i “servizi sociali”, perché ogni bisogno sanitario è anche sociale.
Un punto di riferimento accessibile, che non lasci nessuno a districarsi personalmente nel “percorso ad ostacoli” per ottenere visite specialistiche, esami, interventi,assistenza domiciliare, percorsi di riabilitazione, assistenza agli anziani…
Una struttura che cerchi l’interlocuzione con il territorio e le sue articolazioni sociali: dalle scuole ai centri anziani…non può esistere promozione della salute senza coinvolgimento della popolazione


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti