Ultimo appuntamento all’Isola Tiberina

La redazione di 35 mm.it propone la proiezione di cortometraggi realizzati dagli stessi giornalisti
di Mariangela Di Serio - 9 Agosto 2011

Ultimo appuntamento con la redazione di 35 mm.it all’isola del Cinema. Dopo il documentario del redattore Rocco Giurato, è la volta della serata dedicata ai cortometraggi realizzati ben dodici anni fa dai giornalisti della redazione. I corti, proiettati nella serata di giovedi scorso sono frutto della loro fantasia ed i personaggi e le storie sono ispirati agli stessi autori.

Abbiamo incontrato Mattia Pasquini, direttore editoriale di 35 mm.it e autore dei cortometraggi che ci ha illustrato come è stato sviluppato il progetto.

– Quando e come è nata l’idea di questi cortometraggi?

Nel 2000 la società con la quale lavoravamo 35mm.it aveva un dipartimento di grafica molto ricco, con animatori e disegnatori molto bravi, e – visto che era il momento d’oro della tecnologia Flash, o almeno il momento nel quale si stava propagando e mostrando sempre nuove potenzialità, decidemmo di tentare di mettere a frutto le nostre passioni private, chi nel cinema, chi nella grafica, chi nella produzione…

– Chi sono stati i tuoi collaboratori e come avete organizzato il lavoro?

Come ti dicevo, eravamo un team, quello dell’epoca. Tutta gente che lavorava insieme quotidianamente, tanto che non c’era un dipartimento specifico dedicato. A parte quello grafico, diciamo. Molto spesso i soggetti dei corti nascevano da riunioni alle quali partecipava chi era libero da altri impegni o chi aveva qualcosa di specifico in mente per l’argomento del giorno. Spesso queste riunioni seguivano una proposta particolarmente convincente di qualcuno di noi, a volte la creavano…

– A che cosa vi siete ispirati?

Sarà banale, ma quello che si vede nei corti è diretta emanazione dei gusti e le esperienze cinematografiche di noi della redazione: thriller, sci-fi, horror su tutti. Come tutti i giovani registi esordienti abbiamo – e si vede – giocato con le citazioni, delle quali i corti sono ricchi (anche troppo a volte, soprattutto quando vedendoli a distanza di anni si perdono un po’ i riferimenti a film e situazioni attuali quando li abbiamo creati).

Adotta Abitare A

– Avete mai partecipato a dei concorsi?

si, vari.. e con un certo successo. “Centimetropolis” vinse un premio nell’ambito del “Cinecittà Internet Festival 2001”, “Ben Url” è stato apprezzato finalista al FIFI (Festival International du Film de l’Internet), ma soprattutto "The Svuotcher", che venne selezionato in concorso alla “Semaine de la Critique” al Festival di Cannes del 2001. Quell’anno la sezione collaterale dedicata alle opere prime e seconde del festival francese aveva deciso di aprirsi a questa nuova tecnologia (sempre il Flash, come dicevamo) e all’uso che se ne faceva in rete e aveva costituito due premi appositi.
Andai personalmente a Cannes, per una volta come regista e non come giornalista, per accompagnare il film, seguendo l’iter canonico, con interviste, uffici stampa e presentazioni al pubblico.
Purtroppo siamo arrivati secondi in entrambi i concorsi, anche se per pochissimi voti, con la sola consolazione di esser finiti sopra a TIm Burton che era tra i concorrenti come noi…

– Ieri è stato il terzo appuntamento di 35 mm all’Isola Tiberina. Chi ha promosso quest’iniziativa?

Sono ormai tre anni che 35mm.it collabora con l’Isola del Cinema, e non poteva essere altrimenti visto che si tratta di due delle realtà più longeve del panorama, nazionale e romano. Nel 2009 portammo al Cinelab un concorso di cortometraggi prodotti dagli utenti della rete e realizzato insieme a Cinecittà, ma ogni anno il rapporto si arricchisce con serate a tema, giochi e concorsi e distribuzione della nostra rivista, 35mm magazine.

– Come mai sono stati scelti proprio i cortometraggi?

In realtà, come ricordavi, i cortometraggi sono stati solo i protagonisti della terza serata. Le prime due – quelle del 18 e del 21 luglio – ci avevano visto portare sullo schermo due documentari realizzati da nostri amici e collaboratori: “I sogni nel mirino – Omaggio a Sergio Leone” di Luca Morsella (aiuto regista di Leone), inserito persino nel cofanetto dvd dedicato al grande maestro scomparso, e “La cucina (romana) nel grande cinema italiano” documentario di montaggio del nostro giornalista Rocco Giurato.
In questo caso abbiamo voluto cogliere l’occasione di fare un tuffo nel passato e regalare al pubblico dell’Isola delle pillole di colore e divertimento, e magari anche il modo di conoscerci meglio e in maniera diversa da quella cui sono abituati oggi.

– Avete in programma la realizzazione di qualcos’altro?

Sempre. Da oltre 15 anni 35mm.it segue e cerca di anticipare le tendenze del momento, per questo siamo ancora qui e la nostra evoluzione continua… Attualmente, come potete vedere anche sul nostro sito, del quale è stata appena rilasciata una nuova versione, siamo sempre più concentrati su produzione di video, rubriche critiche e approfondimenti, e sul concetto di interazione. Chi si collega a 35mm.it lo vedrà, le possibilità di partecipare e di condividere con i propri amici sono aumentate, grazie soprattutto a nuovi servizi pensati appositamente per gli iscritti a facebook e una applicazione per iPhone, scaricabile anche dall’Apple Store, che permette di non perdersi nella giungla cinematografica grazie a una attenta geolocalizzazione e di organizzarsi con i propri contatti (e non solo!) per andare al cinema insieme o per conoscere nuovi amici e condividere con loro le impressioni sull’ultimo film visto. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti