V municipio: un nuovo capogruppo PD a sorpresa

Maria Pia Federici (4 voti) prevale sul Alfredo Fabbroni (3 voti) in un gruppo sempre più dilaniato
Alessandro Moriconi - 26 Novembre 2015

Le dimissioni di Angelo Callocchia da capogruppo del Pd nel municipio Roma V che, nelle motivazioni della sua decisione aveva parlato di una frattura politica insanabile con il presidente Giammarco Palmieri, hanno prodotto uno sviluppo degno della trasmissione televisiva “Scherzi a Parte”.

Angelo Callocchia

Angelo Callocchia

Infatti, dopo il rinvio della scorsa settimana era stato fissato per oggi 26 novembre 2015 l’appuntamento per l’individuazione del sostituto di Angelo Callocchia nella carica di capogruppo. Tre le assenze (Salmeri-De Angelis-Palmieri) che avevano portato alcuni consiglieri tra cui M. Marchionni e M.P. Federici (espulse dal gruppo proprio da Angelo Callocchia) a richiedere un rinvio di una decisione così importante in questo particolare momento in cui, dopo lo scioglimento del Consiglio Comunale e la nomina di un Commissario Straordinario e di un drappello di Sub Commissari, si aspetta solo la decisione della data in cui il popolo romano sarà chiamato a votare per il successore di Marino e dei presidenti di municipio, nel nostro caso di Palmieri.

La scelta sostenuta anche dal vicecapogruppo Alfredo Fabbroni è stata però quella di non rinviare l’elezione del nuovo capogruppo e dalla votazione (palese) è scaturito il voto che non ti aspetti è che avrebbe sicuramente fatto impazzire anche il più preparato degli analisti politici…

Per la cronaca hanno votato per Maria Pia Federici, oltre se stessa,  Callocchia, Liotti, Marchionni e per Fabbroni, oltre se stesso, Piersanti e Lostia, quindi la Federici ha battuto, con 4 voti contro 3, il decano del Pd e del Consiglio municipale Fabbroni.

Maria Pia Federici

Maria Pia Federici

Una soddisfazione, non c’è dubbio per chi come la Federici all’interno del partito era stata etichettata come “traditrice” in quanto si era messa di traverso rispetto a scelte come la fallimentare kermesse del Vintage 2014 sul Parco di Centocelle o sulle Politiche Sociali e Culturali perseguite dalla Giunta Palmieri. Un Palmieri che solo una settimana fa, davanti al Commissario Romano del Pd Matteo Orfini, aveva dichiarato che il gruppo del Pd aveva superato le sue difficoltà interne e ritrovato la sua compattezza, omettendo però di dire che, sole 24 ore prima, il suo capogruppo calocchia lo aveva mollato.

Un PD dilaniato, non c’è che dire. E il seguito alla prossima puntata.

 

Servizi Funebri Moretti

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti