Virginia Raggi, assente ingiustificata

Aldo Pirone - 19 Ottobre 2021

Sabato 16 ottobre 2021, alla manifestazione antifascista per il lavoro e la democrazia di San Giovanni indetta da Cgil-Cisl-Uil, mancava la sindaca di Roma Virginia Raggi. Non c’era lei e non c’era il gonfalone di Roma decorato di medaglia d’oro al valor militare della Resistenza. C’erano, invece, molti esponenti del suo M5s: Giuseppe Conte Luigi Di Maio, Paola Taverna, Dino Giarrusso, Carlo Sibilia.

L’assenza di Virginia Raggi ci racconta della piccineria della sindaca ancora in carica. Partecipare era doveroso per una persona che si dice orgogliosamente antifascista. Perché non c’era? Probabilmente perché la sua stizza contro Gualtieri e il Pd ha preso il sopravvento sulla razionalità politica confondendo nella mente di Virginia l’adesione doverosa a una mobilitazione popolare antifascista dopo la devastazione squadristica della sede nazionale della Cgil con un indiretto endorsement al candidato sindaco del centrosinistra. Che poi, visto che il suo sfidante Michetti non era esente da corpose simpatie dei fascisti oltre a essere il candidato della destra che espresse un sindaco nefasto come Alemanno, sarebbe stato più che auspicabile nei frangenti politici attuali. Altri esponenti dei pentastellati, a cominciare da Giuseppe Conte, infatti, l’hanno fatto.

Nei giorni scorsi, dopo avere incontrato in Campidoglio Gualtieri, la Raggi aveva detto: “Ho sempre dichiarato che Roma è antifascista” ricordando a tutti il suo impegno contro l’estrema destra come a Casal Bruciato e contro i neofascisti di Casa Pound.

Ma proprio per questo la sua assenza a San Giovanni è risultata inspiegabile se non per un cattivo elemento umorale non superato, tale da oscurare anche il suo impegno antifascista precedente.

Grillo qualche mese fa le disse: “Roma non ti merita”. Ieri, l’assenza di Virginia a San Giovanni dava un senso esattamente opposto alle sue parole.

La sindaca Raggi e il gonfalone di Roma medaglia d’oro della Resistenza ci dovevano stare in quella piazza.

Pubblicità elettorale Regionali 2023

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti