Dar Ciriola asporto

Visioni Fuori Raccordo Film Festival

Dal 3 al 6 ottobre 2013 al nuovo Cinema Aquila, il Festival che parla di Periferie
di Serenella Napolitano - 1 Ottobre 2013

Ritorna giovedì 3 ottobre al Nuovo Cinema Aquila (Via L’Aquila, 68 – Roma) la sesta edizione del Visioni Fuori Raccordo Film Festival, il festival cinematografico che si propone di ricercare, valorizzare e promuovere opere documentaristiche capaci di favorire una riflessione sulle periferie del Paese, sulle sue aree marginali e sulle sue realtà “invisibili”.

Ad aprire questa 6ª edizione il regista e direttore artistico della Scuola di Cinema “Gian Maria Volonté”, Daniele Vicari che presenterà, nell’ambito della rassegna “A scuola di documentario. Periferie tra cinema e didattica”, il documentario collettivo ‘Sotto l’argine’ realizzato con la supervisione di Daniele Gaglianone che racconta sette storie di lotta e di sopravvivenza quotidiana nel quartiere Magliana a Roma.

visionifuoriraccordoSempre nell’ambito della rassegna dedicata al cinema e alle scuole saranno inoltre proiettati: una selezione di video partecipativi realizzati dalla casa di produzione ZaLab (venerdì 4 ottobre a partire dalle ore 17.00) che con l’occasione presenterà il nuovo progetto ‘La prima scuola’ nato dall’ultimo film di Andrea Segre; e il documentario Centocelle Stories di Simone Amendola e Floriana Pinto (domenica 6 ottobre alle 16.30) realizzato con gli studenti dell’ISIS Ambrosoli nel progetto “Corto a Scuola”, che racconta le ciclicità e le trasformazioni di una storica periferia romana.

Venerdì 4 ottobre sarà ospite del Festival la regista Costanza Quatriglio che presenterà, insieme alla giornalista Laura Delli Colli, il suo ultimo lavoro, già accolto con grande entusiasmo da pubblico e critica all’ultima edizione del Festival di Venezia, dal titolo “Con il fiato sospeso” un’intensa e dura riflessione sul sistema universitario italiano a partire dalla storia shock dei giovani ricercatori contaminati nei laboratori chimici di Catania.

Sabato 5 ottobre alle 19.30 è in programma il Focus dal titolo I viaggi della mente dedicato al documentarista Paolo Pisanelli che presenterà i suoi lavori girati all’interno del Centro Diurno di Via Montesanto (Roma) e l’innovativo progetto Radio UéB – la radio in pillole che si pone come “luogo di incontro e socializzazione per tutti quelli che hanno perso un treno con la realtà”.

Tredici in tutto i documentari selezionati che parteciperanno al concorso: tutti di elevate qualità stilistiche ed espressive che insieme danno una prospettiva unica e privilegiata di molti degli aspetti che caratterizzano le periferie del nostro Paese. Una selezione dominata dalla varietà tematica e stilistica che passa dai ritratti di emarginazione all’integrazione culturale, dalla lotta sociale alle reclusioni fisiche e morali fino ad arrivare all’indagine della memoria storica individuale e collettiva.

Inoltre il Festival ospiterà l’anteprima assoluta del film di Giovanni Aloi Pan Play Decadence (giovedì 3 ottobre alle ore 22.30) che racconta le struggenti vite di persone accomunate dalla passione per la “trasgressione sessuale”, e la nuova versione del documentario di Giovanni Piperno e Agostino Ferrente Le cose belle (domenica 6 ottobre alle 21.15) un ritratto della periferia di Napoli vista attraverso gli occhi di quattro adolescenti con le loro speranze e i loro desideri per il futuro.

La Giuria, composta dalla regista e produttrice Antonietta De Lillo, dal giornalista e autore della trasmissione RAI Doc3 Lorenzo Hendel, e dalla giornalista de Il Manifesto Cristina Piccino, assegnerà un premio alla Migliore Opera.

Adotta Abitare A

Come di consueto, anche quest’anno sarà rinnovata l’iniziativa, lanciata nel 2008, riguardante i lavori pubblici della giuria che ormai rappresenta uno dei caratteri distintivi del Festival e che si propone come obiettivo non solo di dare trasparenza al lavoro dei giurati, ma anche e soprattutto di favorire una concezione dei festival come luoghi di riflessione, di scambio e confronto culturale. A tal proposito i giudizi dei giurati su ogni film in concorso e la riunione della Giuria, durante la quale verranno designati i vincitori, saranno ripresi e trasmessi online sul nostro sito internet.

Il Festival, diretto da Luca Ricciardi con il coordinamento artistico di Giacomo Ravesi, è realizzato grazie al contributo dell’Assessorato allo Sviluppo delle Periferie, delle Infrastrutture e della Manutenzione Urbana di Roma Capitale, al sostegno della Regione Lazio e dell’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico ed è organizzato e prodotto dall’Associazione LABnovecento.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti