Visiva presenta “Gli Abiti del Male”

La prima nazionale della performance diretta da Matteo Tarasco è stata rappresentata negli spazi di Visiva, città dell' immagine a Roma
Mariangela Di Serio - 4 Novembre 2013

Un grande serata d’arte, quella organizzata giovedì 31 ottobre presso gli spazi di Visiva, la città dell’immagine, che ha ospitato la prima nazionale della performance teatrale interattiva “Gli Abiti del Male, l’unico peccato è non avere vizi”, ideata e diretta dal regista teatrale Matteo Tarasco con il contributo del fotografo Pino Lepera.

gli abiti del maleAd interpretare i vizi capitali, sette deliziose attrici: Viviana Altieri, Elvira Berarducci, Linda Gennari, Natalia Giro, Maria Cristina Maccà, Giulia Santilli e Chiara Spoletini, ognuna delle quali ha impersonato un vizio.
La performance della durata di 15 minuti si è ripetuta in successione durante tutta la serata davanti a piccoli gruppi di spettatori.

gli abiti del male 1Matteo Tarasco ha scelto il titolo della performance rifacendosi ad Aristotele, che li definisce “abiti del male” e al pari delle virtù, i vizi derivano dalla ripetizione di azioni che formano nel soggetto che le compie una sorta di “abito”, comportamento, diventando così malattie dell’anima.

L’idea è stata quella di riunire in un unico momento musica e poesia percorrendo un viaggio volto a svelare i lati più nascosti dell’animo umano durante il quale lo spettatore viene spogliato e messo a nudo di fronte allo specchio della Verità… perchè l’unico peccato è non avere vizi.
Grande merito a Mercati Generali e Visiva, che con suoi 7000 mq dedicati alla cultura, si presenta come il luogo dove diverse correnti di pensiero e di spirito si incontrano e si fondono dando spazio alla fotografia, alla pittura, alla moda e non solo proponendo workshop, laboratori, party e molto altro.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti