Casa della Cultura in Villa De Sanctis: inaugurato il Centro di documentazione per le arti musicali e cinematografiche del V municipio

Giovedì 22 giugno alla presenza della Sindaca Raggi e del Presidente municipale Boccuzzi
Francesco Sirleto, Delegato alla memoria storica del Municipio V - 23 Giugno 2017

Alla presenza della Sindaca di Roma, on. Virginia Raggi, e del Presidente del V municipio, Giovanni Boccuzzi, è stato inaugurato, giovedì 22 giugno 2017, nella sede della Casa della Cultura in Villa De Sanctis, il nuovo Centro di documentazione delle arti musicali e cinematografiche, un luogo di raccolta e di consultazione di documenti e testimonianze, ma anche di iniziative e di dibattiti, sulle arti musicali e cinematografiche, con speciale riferimento ai quartieri del V municipio.

Si sentiva la necessità, in effetti, di uno strumento e di un punto di riferimento per tutto ciò che, nel corso del tempo e specialmente per quanto riguarda il cinema, è stato prodotto e si è sedimentato nella memoria di un territorio che ha offerto un contributo non indifferente alla creatività e all’attività di artisti di rilievo nazionale e internazionale.

Nei quartieri del V Municipio, infatti, cineasti del calibro di Rossellini, Lizzani, Monicelli, Germi, Pasolini, Moretti, hanno trovato ispirazione, personaggi, caratteri e vicende che hanno saputo tradurre in immagini e sequenze di grande impatto emotivo e spettacolare.

Rossellini ha girato le più importanti scene del suo capolavoro, Roma città aperta, al Pigneto, tra la Circonvallazione e il Ponte Casilino; Lizzani ha trovato nel Quarticciolo degli anni Cinquanta la naturale location per calarvi la drammatica storia di Giuseppe Albano, detto il Gobbo; anche Germi ha ambientato al Pigneto, in un palazzone di edilizia pubblica, la storia de Il ferroviere, da lui stesso interpretato; Monicelli, per il suo Un borghese piccolo piccolo (impersonato da un grandissimo Alberto Sordi), si è mosso lungo l’asse Piazzale Prenestino – Torpignattara (il sito del Cannone); Pasolini, da parte sua, oltre a scoprire e ad assimilare il suo linguaggio letterario nelle pizzerie di via Torpignattara e nei “baretti” di via Fanfulla da Lodi, ha realizzato il suo primo film, Accattone, nelle viuzze sporche e polverose di Borgata Gordiani e del Pigneto; Nanni Moretti, nel 1985, ambientò La messa è finita nella piccola parrocchia di Santa Maria Mediatrice in via Cori. Infine, per venire a tempi più recenti, non si può tralasciare il film Fortunata di Sergio Castellitto (anno 2017), girato interamente a Torpignattara, intorno ai Millevani.

Ben venga, dunque, questo Centro che, se ben gestito, contribuirà a valorizzare, dal punto di vista artistico, la memoria storica dei quartieri del V Municipio.


Commenti

  Commenti: 2


  1. Spero che la casa della cultura cinematografica si faccia promotrice di diffusione della cultura del cinema versi la gran massa di persone che non ne hanno conoscenza, soprattutto verso gli immigrati, che così, con l’acquisizione della cultura cinematografica italiana farebbero un passo ulteriore passo in avanti verso l’integrazione.


  2. Vedo che ormai la Sindaca Raggi è di casa a Villa De Santis, sono contento perché almeno la sua venuta è servita a dare una tosata all’erba del bellissimo parco, proprio stamattina 11/09/018 erano all’opera un trattore e un maldestro giardiniere che con un decespugliatore cercava di fare le rifiniture ai bordi del percorso pedonale ma va bene cosa fatta capo ha.
    Volevo invece attirare l’attenzione sul fatto che il parco, dove ogni mattina con mia moglie cardiopatica ci rechiamo a fare una decina di giri su prescrizione medica, non dispone di alcun servizio igienico e chi come noi è in terapia, ma anche semplicemente i numerosissimi frequentori siamo tutti artefici di un vergognoso ed umiliante fuggi fuggi tra le siepi per espletare i propri bisogni fisiologici, credo non ci vorrebbe molto ad attrezzare una piccola area molto più piccola di quella destinata ai cani che pure non è bellissima.
    Ho provato a scrivere sui profili del presidente del Municipio Boccuzzi e rappresentare il problema, ma sono profili evidentemente di propaganda che rimuovono qualsiasi cosa possa creare un problema al manovratore.
    Per la cronaca ho votato 5* quindi questo non vuole essere un attacco ma spero che qualcuno lo faccia vedere alla Sindaca che magari lo può girare al Presidente del Municipio 5.

Commenti