Colli Aniene e l’accanimento degli ispettori AMA

Petizione al Campidoglio contro le multe per errori nella differenziazione dei rifiuti
di Federico Carabetta - 30 Ottobre 2015

Circa due anni fa da queste stesse colonne davamo spazio alle lagnanze dei cittadini contro l’AMA.

La ragione, le multe collettive comminate da questa agli utenti per errori nel conferimento dei rifiuti negli appositi contenitori. Ovviamente, con una logica a senso unico tutta a danno degli utenti. Ma, nonostante le proteste e le ragioni esposte nel nostro articolo:  Colli Aniene, l’AMA sanziona i cittadini, ma chi sanziona l’AMA?, ad oggi nulla è cambiato.
Anzi, dalle telefonate e dalle email giunte  in redazione, pare che l’AMA ci si sia messa d’impegno a mitragliare i condomini di multe.
Il malumore dell’utenza è motivato da una grande quantità di domande, e non tutte peregrine.

Esporle tutte pur nella loro stringente ragionevolezza, non è facile. Ci proviamo: le sanzioni vengono applicate non tenendo in alcun conto che in un condominio possono esserci persone le quali, per varie ragioni, non sono in grado di conoscere e distinguere le diverse tipologie dei vari materiali; che ci sia, come nell’intera società, il cretino dispettoso di turno; che è ingiusto non avere da parte dell’utenza la possibilità, né di osservazione e verifica, né di eventuale contestazione; quale criterio consente all’ispettore di avere il potere assoluto di accertare, di giudicare e comminare la pena, senza se e senza ma? Quanto sarà imparziale questo giudice tenuto  a fare gli interessi del suo datore di lavoro?

In qualche modo, riflettiamo, il cittadino dovrebbe pur aver diritto di verificare e magari anche di dimostrare l’inesattezza degli addebiti. L’AMA, che certamente avrà istruito a dovere i suoi ispettori, è sicura di aver altrettanto bene informato i cittadini, anche quelli più anziani, gli stranieri?

amaEd aggiungiamo: l’AMA non ha proprio nulla da rimproverarsi?
I contenitori delle immondizie infatti rimangono talvolta stracolmi per giorni, come pure quelli in strada. Le strade, ci sono quelle che non vedono mai pulizia ed altre, moltissime, che da tempo appaiono affiancate ininterrottamente da cespugli ed alberelli e che dire dei tombini intasati?… E fermiamoci qui per quanto riguarda il decoro cittadino.
Vogliamo ora passare a come l’AMA utilizza il danaro degli utenti ed anche delle multe collettive in uomini, mezzi e superstipendi?

Invece di scusarsi in qualche modo con i cittadini per come adempie ai suoi molteplici compiti, l’AMA manda a sorpresa gli ispettori. E premia in questo modo gli stessi utenti che hanno favorito la sperimentazione e l’introduzione della raccolta dei rifiuti porta a porta. Nessuno ha scordato la presa per il… naso del ventilato alleggerimento della salata relativa tassa.

Le proteste dei cittadini sono confluite nell’attivissimo blog locale che sta raccogliendo sottoscrizioni ad una petizione, perché il Campidoglio intervenga e limiti, regolarizzando, quelli che vengono percepiti soprusi e vere vessazioni.

Articoli connessi all’argomento

www.abitarearoma.net/300-operatori-ama-in-piu-in-strada-contro-il-degrado-di-roma/

www.abitarearoma.net/raccolta-differenziata/


Commenti

  Commenti: 1


  1. ******

    ___________________________

    Molte grazie per l’opportuna segnalazione. Abbiamo corretto.
    La Redazione

Commenti