Conoscere e accettare l’autismo

Domenica 23 dicembre 2007 dalle 10:00 alle 20:00 giochi, laboratori e una passeggiata per via del Corso per promuovere l'autismo e l'Agricoltura Sociale
di Claudia Tifi - 20 Dicembre 2007

Domenica 23 dicembre 2007 l’intera giornata sarà dedicata all’agricoltura sociale e soprattutto all’autismo.
Per combattere lo stigma dell’autismo che causa alienazioni sociali e conflitti familari, il Coordinamento delle famiglie di ragazze/i affetti da autismo della Provincia di Roma e Tiziana Biolghini, consigliere provinciale delegato alle politiche dell’Handicap e promotrice della manifestazione, ha pensato di proporre una passeggiata assieme alle persone autistiche e alla musica della Pachabanda che alle 15 partirà de piazza Venezia, alle 16 arriverà alla Galleria alberto Sordi per fare dello shopping e alle 17:30 tornerà a Piazza Venezia.

Su una mano tesa nel tentativo di impedire un gesto caricatevole c’è scritto "Faccio da solo", chiaro simbolo dell’indipendenza di cui hanno bisogno le persone autistiche, di quella necessità di sentirsi liberi di poter girare per la propria città.

Anche la contemporanea manifestazione "I sapori dell’agricoltura sociale", realizzata dalla Provincia di Roma per promuovere la realtà delle Fattorie Sociali, aprirà alle 10 con la presentazione a cura di Tiziana Biolghini; alle 11:00 si svolgerà il laboratorio pratico"facciamo il formaggio" a cura della Coop.Sinergie; alle 15:30 ci sarà l’esibizione della Scuola "Piccolo Circo" a cura delle Associazioni Ridere per Vivere, Acli III Millennio e Alice nel mondo. I luoghi dove trovare stands e iniziative sono piazza Madonna di Loreto, Colonna Traiano e piazza Venezia. In questi luoghi fino alle 20:00 la cooperativa Il Treno Onlus (www.iltreno33.it) ha organizzato giochi integrati e integranti a partecipazione libera. Sarà possibile scoprire cos’è la lingua dei segni italiana (Lis) ed incontrare persone sorde e udenti segnanti.
____
Alla conferenza di presentazione che si è tenuta alle 12:30 di giovedì 19 dicembre 2007 presso l’Ufficio per le Politiche dell’Handicap della Provincia hanno partecipato molte associazioni che da tempo lavorano a contatto con ragazzi diversamente abili che hanno voluto esporre il loro interesse per questa grande possibilità di sensibilizzare i cittadini su tematiche così delicate.

"Unica nel suo genere, sarà la prima esperienza -commenta Maurizio Ferraro, presidente di Democrazia solidale- per far vivere con autonomia i propri spazi in una città spesso invivibile per i bambini autistici e per aiutare tutti i cittadini a conoscerli e a comprenderli. Piccole cose, come l’uso di colori diversi per distinguere le metro o le bilancie con le immagini degli ortaggi, possono aitare l’autistico ad inserirsi nella quotidianità".

Sarà un’occasione di visibilità senza precedenti -conferma Paolo Quattrucci dell’associazione agsa Lazio Laparolachemanca- per dare la posibilità di fare le cose che fanno tutti".
"Oltre la speranza di poter riabilitare i nostri bambini con nuove terapie- afferma Roberto Torta dell’associazione Genitori contro autismo Lazio- seguiremo anche l’ideale di un quartiere che riconosce questi bambini."
"I cittadini non sono abituati ad avere questi ragazzi per la città -prosegue Romano Maria Mattorre di Angsa Lazio- ma nella nostra associazione quasi 30 ragazzi frequentano le scuole superiori con un assistente alla comunicazione."
"Finalmente si parlerà di disabilità non come un fatto di cronaca nera -esclama Marina Fronduti di Esperantia Onlus- ma con un aspetto propositivo nella speranza che questi bambini si sentano un po’ più tranquilli".
"Poi torneremo al nostro quotidiano -va avanti Adina Adami del Gruppo Asperger- per riportare un messaggio ai municipi, per sollecitarli a simili iniziative, anche se più piccole."
"L’obiettivo che dobbiamo perseguire -conclude Giulia De finis di Habitat per l’autismo- è puntare a uscire di casa senza timori, i cittadini devono capire e tollerare i nostri figli, così da continuare a uscire senza alcun motivo di vergogna."

Per saperne di più: www.provinciabile.it


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti