Dal 3 marzo al 4 aprile le iscrizioni per gli asili nido per l’anno 2008-2009

Possono essere iscritti al nido i bambini residenti a Roma nati dal 1° gennaio 2006, o quelli la cui nascita è prevista entro il 31 maggio 2008
Enzo Luciani - 23 Febbraio 2008

Apriranno il 3 marzo prossimo, e si chiuderanno il 4 aprile, le iscrizioni per gli asili nido e gli altri servizi  "0-3 anni" per l’anno scolastico 2008-2009. Possono essere iscritti al nido le bambine e i bambini residenti nel Comune di Roma nati dal 1° gennaio 2006, o quelli la cui nascita è prevista entro il 31 maggio 2008. Possono inoltre essere iscritti, in base alla "temporanea dimora", i bambini apolidi, nomadi e stranieri anche se privi della residenza.

E’ consentita una sola domanda d’iscrizione presso un solo Municipio, ma si può scegliere tra quello di residenza del bambino, quello dove ha sede il lavoro dei genitori, quello di residenza dei nonni o anche del genitore non affidatario. Le domande devono essere presentate presso l’Ufficio Nidi del Municipio prescelto.

In via sperimentale, oltre ai nidi gestiti direttamente dal Comune, è possibile richiedere l’iscrizione a strutture educative private accreditate e convenzionate. Queste assicurano gli stessi standard di qualità dei nidi comunali e le quote contributive pagate dalle famiglie sono pure le stesse. E’ inoltre possibile chiedere, per i bambini tra i 24 e i 36 mesi, l’iscrizione a una sezione "ponte-primavera" della scuola dell’infanzia.

Ad ogni domanda presentata verrà assegnato un punteggio che tiene conto della situazione familiare del bambino e lavorativa dei genitori. In base ai punteggi, ogni Municipio ordinerà le domande ricevute in una graduatoria. Il reddito non crea punteggio. La graduatoria provvisoria, determinata con sistemi informatici secondo le priorità e i criteri stabiliti, verrà pubblicata nelle sedi municipali indicativamente tra fine aprile e inizio maggio. Quella definitiva, poi, sarà pubblicata nei Municipi intorno alla prima quindicina del mese di giugno.

I nidi sono aperti dal 1° settembre al 31 luglio, dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 16,30. In ogni Municipio verranno indicati, a seconda delle richieste, uno o più nidi con orario prolungato 7-18.

Anche quest’anno le tariffe restano invariate, in media 146 euro al mese. Le più basse in Italia, sottolinea l’Assessorato alle Politiche Educative. Prevista l’esenzione dal pagamento della quota contributiva per il terzo figlio. Chi ha più di un figlio che frequenta il nido comunale ha titolo alla riduzione del 30% sul totale delle quote dovute. Esenti dal pagamento le famiglie seguite e segnalate dai servizi sociali.

Per tutte le informazioni sull’argomento ci si può rivolgere agli Uffici Relazioni con il Pubblico (URP) municipali o direttamente agli Uffici Nido dei Municipi. A partire dal 3 marzo i moduli si potranno scaricare anche dal sito del Comune alle pagine della scuola.

Il Comune di Roma, precisa l’Assessorato, gestisce direttamente la più grande rete pubblica di asili nido in Italia: 17.000 strutture, destinate a diventare circa 20.000 entro l’anno in corso. Qualche dato: la percentuale dei bambini con meno di tre anni che frequentano i nidi è in Italia il 10% sul totale, a Roma il 24% (destinato a raggiungere, entro il 2011, l’obiettivo europeo del 33% con i nuovi nidi già programmati e finanziati). I nidi sono passati dai 150 del 2001 ai 186 attuali e arriveranno a 199 entro il 2008.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti