Dar Ciriola asporto

Il degrado della scuola Salvo D’Acquisto a Tor Sapienza

Interrogazione del consigliere del VII municipio Figliomeni
di Alessandro Moriconi - 31 Luglio 2009

Più che una interrogazione a risposta immediata, quella presentata il 30 luglio nell’aula consiliare del municipio di roma 7 è stata una vera e propria requisitoria contro l’inerzia delle istituzioni per tentare di eliminare la chiusura forzata di aule e le gravi situazioni di pericolo, presso la scuola S. D’Acquisto a Tor Sapienza.

Figliomeni"L’interrogazione – ha detto Figliomeni – scaturisce da alcune segnalazioni fatte da parte di genitori e alunni. Segnalazioni che sono state verificate durante un incontro con il preside della scuola, Prof. Franco Scalzo, il quale ci ha anche parlato di un carteggio con il municipio di roma 7, contenente oltre alle denuncie sulla grave situazione, anche un verbale con cui i Vigili del Fuoco hanno interdetto l’uso di alcune aule e vari spazi scolastici".

Durante l’intervento il consigliere Figliomeni ha consegnato al presidente del consiglio Marinucci un Cd, contenente le foto delle situazioni denunciate che raccontano una triste verità, fatta di:
– molte aule tra il primo e il secondo piano, compreso il bagno, sono state interdette con del nastro bianco/rosso e presentano crepe, fori ed evidenti cadute di calcinacci.
– scale su cui per motivi di sicurezza è vietato l’accesso.
– alcune aule con una temperatura notevolmente aumentata a causa della vicinanza allo stabilimento "Peroni" a cui gli studendi hanno cercato di opporsi applicando sui vetri, semplici giornali.
– infissi gravemente compromessi e staccati dalle cerniere.
– materiali edili presenti in alcune aule e lasciati da una Impresa che stava bonificando i ferri arrugginiti che escono dal cemento.
– la presenza nel lato a confine con lo stabilimento Peroni di "una marrana verdastra" da cui partono milioni di zanzare.
– androni, sala professori e teatro, utilizzati come luoghi di didattica, con tanto di lavagne, banchi e scrivanie.
– l’esterno poi, presenta erbacce, un albero pericolosamente inclinato e altri, di fico, che fuoriescono dalla base dei muri perimetrali, le porte di un impianto di calcetto arrugginite e non a norma, una montagna di sedie rotte ammassate sull’uscita sul retro e per finire una bella copertura con eternit (contenente amianto) sulla testa del personale amministrativo.

Ovviamente con l’interrogazione Figliomeni chiede di sapere se il Presidente del Municipio e gli Assessori preposti sono a conoscenza delle situazioni di pericolo e degrado (se si… chiede copia della corrispondenza) e quali provvedimenti saranno tempestivamente adottati, sia che siano presi direttamente e sia se in collaborazione con i competenti Dipartimenti e questo ha concluso Figliomeni, per consentire a settembre il regolare svolgimento delle lezioni.
"E’ inaccettabile – ha dichiarato Figliomeni – che si predispongono risoluzioni per dotare alcune scuole di panchine, gazebi e piccole serre con irrigazione temporizzata (che è pur giusto debbano avere) quando ci sono situazioni in piedi come quella della scuola Salvo D’Acquisto a Tor Sapienza ed è altrettanto inaccettabile che a tutt’oggi non siano state predisposte le schede che certifichino lo stato dei plessi scolastici e degli asili nido, decise all’unanimità nella passata consiliatura".


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti