Il Piano del Colore sbarca nel Secondo Municipio

Primo seminario tecnico pubblico sulla la tutela dell’immagine urbana
di Vittorio Di Guilmi - 30 Novembre 2009

Si è svolto il 26 novembre presso la Sala Conferenze di via Reggio Emilia a Roma, il primo seminario tecnico pubblico dal titolo “Regole, metodi e tecnologie per l’attuazione del Piano del Colore nell’ambito del Piano di Tutela dell’Immagine Urbana del Municipio II”.

Rivolto ai cittadini e agli operatori del settore, l’interessante seminario ha presentato il progetto del Piano del Colore, e con questo i metodi e le finiture di attuazione per il restauro e la protezione dei prospetti storici e contemporanei. Scopo del seminario era quello di analizzare la corretta metodologia di composizione dei progetti di restauro per le facciate interne ed esterne degli edifici di pregio. Come dichiarato in apertura dal presidente del Municipio Roma II Sara De Angelis, “attraverso il Piano del Colore, strumento innovativo che impone l’utilizzo di materiali e colori che rispettino l’originaria fattura degli edifici storici, contiamo di salvaguardare e al tempo stesso valorizzare l’importante immagine del nostro territorio”. “Prevediamo a breve la creazione di un gruppo di lavoro ad hoc, nei nostri uffici tecnici, che sia in grado in tempi stretti di dare precise indicazioni sul Piano del Colore alle ditte che presentano le domande per la riqualificazione delle facciate”, le fa eco Maria Spena, vicepresidente e assessore ai Lavori Pubblici del Municipio Roma II.

Strumenti legislativi importanti per la riqualificazione e il recupero dei centri storici e ormai abbastanza diffusi in Italia dal 1997, i Piani del Colore sono spesso molto diversi tra loro, in quanto le Amministrazioni, nella progettazione ed adozione, si sono nel tempo dotate di norme e organi differenti. In questo senso, Roma si presenta densa di edifici ricchi di storia, di ricordi, di emozioni che solo il colore, nel rispetto delle superfici e della cultura locale, può restituire ai cittadini nella loro interezza.
Illustrato quindi il Piano dell’arredo urbano e le linee guida per una corretta attuazione, durante il seminario sono intervenuti, tra gli altri, Armando Fagotto e Tiziano Brocca, rispettivamente Coordinatore nazionale rapporti Committenza e Responsabile Nazionale Assistenza Tecnica dello storico marchio Sikkens per AkzoNobel, gruppo multinazionale fra i leader mondiali del settore vernici e pitture per l’edilizia. L’azienda, operante in Italia dal 1958 e con sede in Olanda, ha costruito la propria capacità sul costante approfondimento dei temi legati al restauro, coinvolgendo progettisti di fama nazionale ed internazionale già in altre esperienze di realizzazione di Piani del colore per importanti città italiane: Torino, la prima città a dotarsi di questo strumento rilevante anche in un’ottica di riqualificazione urbana e l’affascinante Portofino.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti