La 26ª edizione della Corri alla Garbatella

Il 18 novembre la gara è stata presentata alla stampa. All’evento hanno partecipato promotori di corse podistiche, giornalisti, fotografi,  atleti, trai quali Franca Fiacconi e Sergio Agnoli
Aldo Zaino - 18 Novembre 2017

Sabato 18 novembre 2017 a Roma presso la Biblioteca Culturale Moby Dick, di via  Edgardo Ferrati 3/a si è svolta la Conferenza Stampa della 26ª edizione della Corri alla Garbatella, in programma domenica 26 novembre 2017 con partenza e arrivo in via Viale Guglielmo Massaia.

La Conferenza è iniziata con qualche minuto di ritardo dovuto all’allestimento dello schermo per mostrare agli ospiti un filmato della gara del 2016 realizzato da Alessandro Di Meo.

Ha poi preso la parola Walter Graziani Presidente Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella e del Comitato organizzatore della manifestazione sportiva, dicendosi certo che il giorno della gara sotto l’arco di partenza ci saranno migliaia di atleti provenienti come negli altri anni dai Municipi limitrofi.

Nel suo intervento Walter Graziani ha comunicato anche che quest’anno ci sono state tantissime difficoltà nell’organizzare la gara, e che per concludere il tutto c’è voluta, costanza, determinazione e collaborazione, dai consiglieri dell’ASD Rione Garbatella, e di tutti i componenti dell’ex Gruppo Sportivo Arcobaleno in primis Ernesto Del Vescovo. Un accordo perfetto fra persone meravigliose e motivate, ha aggiunto il Presidente Graziani, che in pochi anni ha consentito il reinserimento della corsa nel panorama agonistico romano.

Franca Fiacconi l’Atleta che nel 1998 ha vinto la Maratona di New York si è dichiarata felicissima di essere stata invitata alla Conferenza. La Fiacconi che oggi lavora nell’ambito sportivo, allenando i ragazzi essendo Laureata in Scienze Motorie, ha elogiato gli organizzatori della Corri alla Garbatella perché dedicano uno spazio proprio agli alunni delle scuole, selezionati per età e distanza. Loro sono il futuro dello sport – ha aggiunto la Campionessa – ma è importante, riferendosi alla corsa, far provare loro la gioia e la soddisfazione di competere con i coetanei. Quest’opportunità ai ragazzi la possono offrire solo le persone sensibili, come gli organizzatori di questa manifestazione sportiva che mettono in palio come incentivo per i ragazzi delle bellissime coppe.

Ripresa la parola, il Presidente Graziani ha  spiegato minuziosamente il programma della gara. Le prime partenze: avverranno alle ore 9:00 con le gare degli alunni delle scuole dell’VIII Municipio. Al termine alle 9:30 circa sarà dato il via agli atleti che parteciperanno alla competitiva di 10 km, a questi concorrenti si accoderanno i partecipanti alla non competitiva di 5:00 km. Orario previsto ore 9:40. Il punto di “partenza e arrivo” per entrambi i percorsi, è viale  Guglielmo  Massaia, medesimo luogo anche per le premiazioni “ punto di riferimento sede del C.N.A.”

Tutte le altre informazioni: moduli iscrizione deposito borse e altro sono sul sito Web: corriallagarbatella.it,  oppure sulla pagina  del Maratoneta.  Il tempo per l’iscrizione alla gara scade alle ore 22:00 di giovedì’ 23/11/2017.

Tornando alla conferenza stampa, avvenimento importante, è stata mostrata ai presenti la Coppa messa in palio dai coniugi Santilli – Andreotti  residenti nel V Municipio di Roma Capitale in memoria del figlio Tommaso scomparso pochi anni fa nelle strade del quartiere della Garbatella. Questa coppa unitamente ad altre due offerte dal Campione del podismo Sergio Agnoli andranno in premio alla classe più numerosa che parteciperà alla Corri alla Garbatella e al primo alunno/a più veloce.

La scelta dei premi per i ragazzi da parte del Comitato Organizzativo della Corri alla Garbatella non è causale ma fatta con le dovute attenzioni poiché entrambi i donatari delle coppe sono l’icona della sportività, della solidarietà  e del suo proseguimento. Sergio Agnoli è un campione del podismo romano che per tantissimi anni ha portato il vessillo in tante gare in tutta Italia e all’estero, e nonostante abbia attaccato i suoi scarpini al chiodo, è sempre presente nel mondo dello sport nonostante i suoi 90 anni, a dimostrazione di una continuità, e “che lo sport non ha età”. La bellissima coppa offerta della famiglia Santilli – Andreozzi è in memoria del figlio Tommaso Santilli, giovanissimo istruttore di nuoto deceduto nel 2014 a causa di un pirata della strada.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti