Monteverde, strada chiusa per caduta albero

A via dei Quattro Venti è protesta. Giudici e Santori: "Si eviti segregazione dei cittadini e dei commercianti"
Redazione - 27 marzo 2015

“Anche questa mattina (27 marzo 2015, n.d.r.) nel Municipio XII si è sfiorata la tragedia. In piazza Morelli, nel quartiere Colli Portuensi, infatti, è caduto al suolo l’ennesimo albero di alto fusto. Un fatto gravissimo, considerando che da anni ci battiamo per la manutenzione degli alberi di tutto il quadrante Colli Portuensi, ma Campidoglio e Municipio XII fanno orecchie da mercante. Cittadini e commercianti sono sul piede di guerra perché c’è un problema di sicurezza dovuto alle chiome degli alberi che coprono la luce dei lampioni. Non è un caso l’aumento dei fenomeni di criminalità e degli incidenti stradali”. Lo dichiarano in una nota Marco Giudici, consigliere del Municipio XII e Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio.

ColliPortuensiStradaChiusa“Il tema di via dei Quattro Venti chiusa al traffico veicolare – prosegue la nota – da piazza Cucchi a piazzale Dunant è sulla bocca di tutti i cittadini, residenti e commercianti, increduli ed arrabbiati. Sì, perché la chiusura dell’intero viale, di giorno e di notte, è un provvedimento smisurato che porterà solo danni al quartiere. Oltretutto i veicoli continuano a circolare all’interno del viale, il che dice tutto sull’organizzazione approntata dalla presidente Maltese. In verità si è dovuto arrivare a tanto perché il quartiere è stato abbandonato da troppo tempo ed oggi si è adottata un’ordinanza che ha l’aspetto di un provvedimento ormai improrogabile a tutela della sicurezza pubblica. Tutti sanno che se il centrosinistra al Municipio XII ed al Campidoglio fosse intervenuto a piccoli passi, il quartiere non avrebbe dovuto soffrire in questo modo. Perlomeno – conclude la nota – ora si porti a termine il lavoro il più in fretta possibile, ma soprattutto si tolga la chiusura totale della strada, evitando la segregazione dei cittadini e dei comemrcianti.”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti