Municipio VI: “Dimostrazione di fallimento totale della politica di integrazione”

Lo afferma Rachele Mussolini, consigliere comunale della lista civica Con Giorgia
Redazione - 3 Aprile 2019

«Quanto accaduto ieri sera a Torre Maura è la riprova che anche la politica adottata da questa amministrazione nei confronti dei rom è destinata al fallimento più totale. Ne prenda atto subito la Sindaca, i cui dietrofront continui sono l’emblema della crisi continua della sua giunta e non producono effetti positivi.

Dal Campidoglio si è pensato di gestire la presenza di queste persone, considerate in “stato di fragilità sociale”, dislocandole in un’area periferica della nostra città dove i cittadini, a più riprese, sono stati costretti a subire scelte calate dall’alto e mai minimamente condivise. Nessuno ha mai considerato che questo è un quartiere dove sono già presenti diverse situazioni di disagio, che l’amministrazione non ha mai cercato di colmare. Gettare benzina sul fuoco non è certo una soluzione. Così come continuare a ignorare il disagio e il degrado che, purtroppo, continuano ad avere la meglio in questa come in tante altre aree della città. Aggiungiamo servizi e miglioriamo le condizioni di vita a chi abita e lavora a Torre Maura. Zingari e rom vanno controllati e gestiti in modo che si possano evitare borseggi e altri reati a danno dei romani e dei turisti».

Così Rachele Mussolini, consigliere comunale della lista civica Con Giorgia e Vice Presidente della Commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza di Roma Capitale.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti