Oltre 6.500 ciclisti alla partenza del Gran Fondo Campagnolo

La VI edizione si è svolta l’8 ottobre 2017 
Aldo Zaino - 8 Ottobre 2017

Domenica 8 ottobre 2017 più di 6.500 ciclisti/e incuranti del freddo mattiniero si sono dato appuntamento in via dei Fori Imperiali per correre il Gran Fondo Campagnolo. Il lungo serpentone di ciclisti si è lasciato alle spalle prima il Colosseo e dopo Piazza Venezia e inoltrandosi nelle strade più importanti della Capitale attraversando poi di nuovo via dei Fori Imperiali fra gli applausi del pubblico.

Per disciplinare la partenza a un numero cosi elevato di atleti sono state create sette griglie, la 1^ Griglia Romolo per i concorrenti con il pettorale dal numero 1 al 300 – Numa Pompilo dal n. 301 al 1.500, – Tullio Ostilio dal 1.501 al 3.000- Anco Marzio n 3.001 al 4.500 – Tarquinio Prisco n. 4.501 al 6.000 – Servio Tullio da 6.001 Partecipanti a “in bici ai Castelli” – E bikes – Tarquinio il Superbo Partecipanti a l’imperiale – The Appian Way.

Una volta raggiunto Porta S. Sebastiano i ciclisti si sono diretti verso l’Appia, per raggiungere i Castelli Romani, attraversando il paese di Albano Laziale,  Rocca di Papa, Frascati, Ciampino, Monte Porzio e Monte Compatri, per salire dopo fino ai Prati del Vivaro, per fare poi il percorso inverso e dopo 120 km aggiungere Roma e passare sotto l’arco d’arrivo posto nei pressi del Villaggio alle Terme di Caracalla.

Certo arrivare all’appuntamento al buio e la temperatura bassissima per essere presente al segnale di partenza delle 7.15 non è semplice, ma questi volenterosi ciclisti non hanno esitato ad arrivare prestissimo per mettersi in prima fila sotto l’arco di partenza in via dei Fori Imperiali, ci vuole costanza e amore per sport.

A un appuntamento così importante non sono mancati fotografi e giornalisti e TV per immortalare e descrivere l’episodio, per confermare che Roma è anche capitale dello sport.

Un’occasione per i fotoreporter per ritrarre, attraverso l’arco di partenza con lo sfondo il Colosseo, il quale in qualche modo è riuscito a cambiare immagine, dal buio della notte, alla luce del giorno,  immagini completamente diverse, utile per irradiando le immagini in tutto il mondo attraverso la TV e quelle fotografie nelle più importanti riviste e i quotidiani.

 

 

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti