Red carpet incandescente per Jennifer Lawrence al Roma Film Festival 2013

La protagonista del secondo capitolo della saga “ Hunger Games” ospite d'onore dell'ottava edizione della rassegna cinematografica
di Mariangela Di Serio - 19 Novembre 2013

Jennifer Lawrence, proprio lei, la ‘Ragazza di Fuoco’ ha varcato le soglie della Capitale ed è stata protagonista di una giornata sensazionale, giovedì 14 novembre, all’interno dell’ottava edizione del Festival del Cinema di Roma, ricca di emozioni, di suspense e di tanta adrenalina.

jennifer-lawrence-in-posaUna grande gioia per le centinaia di fan, sopratutto ragazzine, che già dalla sera prima si erano appostate con i propri sacchi a pelo nei pressi del red carpet nell’attesa di incontrare la loro beniamina. E si perché la giovanissima attrice americana a soli 23 anni è diventata un’icona, un modello per le teenagers che in lei si identificano, sicuramente grazie ai suoi personaggi come Kathnsis, l’eroina di “The Hunger Games – La ragazza di fuoco”, esempio di coraggio e virtù.

E non a caso chiedendo ad alcune di loro che cosa pensano della talentuosa attrice e che cosa rappresenta per loro hanno risposto: “La forza delle donne”.
Bel colpo per la Lawrence, che oltre ad essere apprezzata dalla critica per le sue interpretazioni, ricordiamo il premio Oscar vinto per “Il lato positivo”, è anche così amata dal pubblico, e soprattutto da un pubblico così giovane, che negli anni sembrava di aver perso un punto di rifermento preciso, un idolo da ammirare ed emulare. E invece è arrivata lei, che con la sua Kathniss Everdeen è riuscita ad attirare l’attenzione di un pubblico così numeroso che forse non si vedeva dalle primissima edizione del Festival Internazionale del Cinema di Roma.

Auditorium Festival del Cinema esterno

La giovane star è sbarcata al Festival per presentare il secondo capitolo della trilogia “The Hunger Games – La ragazza di fuoco”, tratto dall’omonimo romanzo di Suzanne Collins e si è concessa ai microfoni durante la conferenza stampa moderata dal giornalista Mario Sesti rispondendo con fermezza alle tante curiosità sul suo personaggio: “ Quando lessi per prima volta questi libri avevo 16 anni e mi fece piacere vedere che questo personaggio poteva servire da modello; è normale che mi senta responsabile perché quando la gente ti segue, ti ascolta e ti guarda hai una responsabilità notevole”.

Festival del Cinema Hanger Game

E alla domanda se dopo l’Oscar la sua vita è cambiata ribatte: “Il Premio Marcello Mastroianni ricevuto a Venezia è stato uno dei momenti più entusiasmanti del mio lavoro di attrice, ma la mia vita non è cambiata poi tanto.
movies-the-hunger-games-catching-fire-jennifer-lawrence-posterI premi sono sempre un piacere e hanno contribuito alla mia carriera, sono molto gratificata ma continuo a vivere come prima, giorno per giorno.
In molti mi chiedono spesso se avverto la pressione di questo fenomeno. Amo il mio lavoro, il cinema e ho sempre accettato di prendere parte a dei film perché mi interessava la sceneggiatura o il regista e questo non cambierà, non presto molta attenzione a questo quadro che mi crea un po’ d’ansia, io mi diverto e basta e non presto attenzione a ciò che si scrive o si dice di me”.

Insomma bastano poche parole per capire come la pazienza per le ore di attesa per conoscerla più da vicino sia stata giustamente ricompensata, e quanto il red carpet del Roma Film Festival abbia acquistato valore.

Adotta Abitare A

 Trailer italiano “The Hunger Games: La Ragazza di Fuoco”: 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti