Riccardo Rossi in Viva le Donne

Dal 26 febbraio al 3 marzo 2019 alla Sala Umberto
a cura di Bruno Cimino e Bruna Fiorentino - 25 Febbraio 2019

Per la trilogia di Riccardo Rossi, ultimo spettacolo con Viva le Donne di Riccardo Rossi e Alberto Di Risio. Regia Cristiano D’Alisera. Dopo “L’amore è un gambero” e “That’s life”, con “Viva le Donne. Tutte le donne della nostra vita”,  si conclude la trilogia di Riccardo Rossi. L’appuntamento è alla Sala Umberto dal 26 febbraio al 3 marzo.

 

La donna è la prima persona che conosciamo al mondo! Maschi o femmine è uguale: è sempre lei il nostro primo incontro. Ma se le bambine crescendo diverranno sempre più “colleghe” della madre (prima o poi faranno un figlio anche loro) i maschi si ritroveranno per tutta la vita a fare i conti con quell’essere che li ha generati. Ma i ruoli nel corso degli anni cambieranno, dopo la madre conosceranno la tata, la sorella, la nonna, la prima amichetta, la maestra, la fidanzata importante, la moglie, la figlia, la ex moglie, che si svelerà essere un’altra persona, poi la seconda moglie e si spera l’ultima, e così via, senza dimenticare ovviamente la più temuta: la suocera! (e addirittura la seconda suocera!)

Grazie a tutti questi incontri con le donne nel corso della sua vita, all’uomo non resterà altro che fare l’unica cosa che non avrebbe mai voluto: crescere.

Riccardo Rossi ci racconterà tutti i dettagli di questo viaggio con la piena consapevolezza della loro schiacciante superiorità. Anche perché come diceva Groucho Marx: “Gli uomini sono donne che non ce l’hanno fatta…”.

INFO

SALA UMBERTO

Via della Mercede, 50 Roma

26 FEBBRAIO – 3 MARZO

Orari Spettacolo

martedì 26 febbraio ore 21.00, mercoledì 27 febbraio ore 21.00, giovedì 28 febbraio ore 21.00

venerdì 1 marzo ore 21.00, sabato 2 marzo ore 21.00, domenica 3 marzo ore 17.00

Prezzi Biglietti Poltronissima (fila 00-14) 34,00 € Poltrona (fila 15-19) 29,00 €

Galleria (fila 2-6) 24,00 € Balconata (fila 1, 7 e 8) 19,00 €

 

 

a cura di Bruno Cimino e Bruna Fiorentino


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti