Risonanze magnetiche al Teatro della Cometa

Dal 26 marzo al 7 aprile 2019
a cura di Bruno Cimino e Bruna Fiorentino - 18 Marzo 2019

Scritto e diretto da Alessandra Panelli, con Mauro Marino, Barbara Porta, Costanza Castracane. Elementi scenici Giorgia Di Pietrantonio. Costumi Helga Williams. Disegno luci Marco Laudando. Dal 26 marzo al 7 aprile 2019

Sarà in scena al Teatro della Cometa dal 26 marzo al 7 aprile, Risonanze magnetiche scritto e diretto da Alessandra Panelli, protagonisti Mauro Marino, Barbara Porta, Costanza Castracane.

La storia di due donne e un uomo che “nel mezzo del cammin di loro vita” si trovano ad un bivio: soccombere all’ineluttabilità delle cose, così come le vorrebbe un certo modo di pensare, o trovare la forza per reagire e reinventarsi in una nuova esistenza vitale e fantasiosa.

Una sorta di favola che i tre amici raccontano al pubblico, consapevoli del grande bisogno che c’è di credere ancora nella forza dell’amicizia, sentimento a volte sottovalutato a favore di altri considerati più forti come l’amore o spesso confuso con la connivenza o con l’evasione dall’impegno.

In un arco di tempo che va dal 1990 ad oggi, in un curioso intreccio di personaggi ed eventi che li vede collegati prima ancora che loro stessi sappiano di esserlo, i protagonisti si incontrano e, attraverso la loro capacità di cogliere i segni che magicamente si presentano sul loro cammino, riescono a fondersi in un’amicizia speciale grazie alla quale è possibile risuonare magneticamente insieme e costruire una nuova idea di futuro.

 

INFO

Teatro della Cometa

Via del Teatro Marcello, 4 – 00186 ROMA

Orario prenotazioni, vendita biglietti e info per apericena: dal martedì al sabato, ore 10:00 -19:00 (lunedì riposto), domenica 14:30 – 17:00 – Telefono: 06.6784380

Orari spettacolo: dal martedì al venerdì ore 21.00. Sabato doppia replica ore 17,00 e ore 21,00. Domenica ore 17.00. Costo biglietti: platea 25 euro, prima galleria 20 euro, seconda galleria 18 euro.

Riduzioni per lettori di Media&Sipario, Culturamente, Saltinaria

 

a cura di Bruno Cimino e Bruna Fiorentino


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti