Roma, #laculturaincasa su web e social e non solo

Gli appuntamenti digital delle istituzioni culturali per la settimana da oggi fino al 31 maggio
Redazione - 25 Maggio 2020

Questi alcuni dei contenuti digital disponibili per la settimana fino al 31 maggio. Il canale social @culturaaroma darà aggiornamenti quotidiani con hashtag #laculturaincasa e #laculturaincasaKIDS con le iniziative dedicate a bambini e ragazzi. 

Hanno aderito al programma #laculturaincasa alcune tra le Accademie e Istituti di Cultura Internazionali presenti in città, come lAccademia di Romania, il Forum Austriaco di Cultura, l’Accademia Reale di Spagna, l’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici, l’Accademia d’Ungheria di Roma, l’Accademia Belgica e l’Organizzazione Internazionale italo-latino-americana IILA, ma anche l’Instituto Cervantes di Roma, l’Accademia Roma Villa Massimo, l’Istituto Francese Saint Louis ed anche l’Istituto Giapponese di Cultura. Gli eventi e i contenuti digitali delle Accademie e Istituti si possono seguire con hashtag #laculturaincasa.

MUSEI CIVICI.  Comincia lunedì 25 maggio una nuova rubrica settimanale dei Musei Capitolini. Seguendo gli hashtag #cineCampidoglio e #setCampidoglio potremo scoprire tutte le occasioni in cui il colle Capitolino è stato set di opere cinematografiche, artistiche e letterarie. Il primo appuntamento sarà con Eva, la protagonista della prima stagione di #SkamItalia, serie tv amatissima dai ragazzi. In agenda martedì 26, dalle 16.30 per il ciclo di incontri I martedì da Traiano ai Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali, videoconferenza in diretta ZOOM intitolata Architettura dei complessi termali e rituale del bagno presso i Romani a cura di Stefania Fogagnolo​​. Per #ilmuseoincasa martedì 26 alle 15.00 un’altra pillola audio di Radio Canonica dal titolo L’estate che morì il re. Il progetto è promosso dal Museo Pietro Canonica per ripercorrere insieme la vita dell’artista piemontese. Continua per #ilmuseoincasa la rubrica Album di famiglia per conoscere la storia del Museo Napoleonico e della famiglia Bonaparte, da sempre legata a Roma e fortemente radicata nel tessuto storico della città. Nella terza puntata, martedì 26, si parlerà di Madame Mère. Mercoledì 27 maggio torna il racconto a puntate #conNoilungoleMura, dedicato alla riscoperta delle Mura Aureliane attraverso brevi video diffusi sulla pagina Facebook del Museo delle Mura, con un altro appuntamento su Porta Pinciana. Giovedì 28 maggio è la volta di due nuovi progetti della rubrica #ilmuseoincasa che  raccontano l’Ara Pacis Augustae – uno dei monumenti più importanti e meglio conservati della Roma del primo impero – e il Casino Nobile di Villa Torlonia con gli occhi di un uomo dell’Ottocento. Prosegue anche la rubrica proposta dai Musei Capitolini Roma e gli altri. Voci di popoli, venerdì 29 maggio. Questa puntata racconta le dediche di palmireni alle divinità solari come testimonianza di culti stranieri e di comunità straniere a Roma. L’appuntamento con gli astronomi del Planetario di Roma e le due web-series da loro curate prevede per mercoledì 27 La Scienza delle Stelle nella Città Eterna (per “Astri in Comune”) e venerdì 29 maggio Lira, Cigno e Aquila (per “Il Cielo dal balcone”). Inoltre, la prossima rubrica sulla pagina Facebook del Museo di Zoologia parlerà di Ecosistemi e biodiversità animale in tre appuntamenti: lunedì 25 Bee happy, dedicato alle api; mercoledì 27 Bonellia dalle mille sorprese e venerdì 29 Il ratto talpa della SomaliaLa settimana digital rinnova l’offerta sui social @museiincomuneroma.it e @SovrintendenzaCapitolina con nuovi appuntamenti che, ai consueti percorsi tematici sulle opere e mostre dei Musei in Comune, aggiungono itinerari e storie alla scoperta dei monumenti cittadini, grazie alla guida degli storici dell’arte e degli archeologi.

Fresco Market
Fresco Market

ISTITUZIONE BIBLIOTECHE di ROMA. Sempre più appuntamenti online e nuovi servizi digitali. L’offerta in rete delle Biblioteche continua a rafforzarsi, mentre riaprono al pubblico martedì 26 le prime 12 sedi. Tra i nuovi strumenti digitali a disposizione degli utenti c’è BiblioSkype: chiama la biblioteca, sportello digitale che offre dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 13.00, supporto al pubblico da remoto e che, in questa fase, si affianca ai canali tradizionali, anche per fornire indicazioni sulle riaperture (orari, modalità di accesso, servizi disponibili, sedi interessate, ecc.). La settimana digital comincia lunedì 25 a partire dalle 18.00 con Letture d’Oriente, a cura del Servizio Intercultura e in collaborazione con la Biblioteca Mandela. Nel quinto incontro si viaggia in Giappone con la casa editrice dei Merangoli che introduce due raccolte di haiku, una forma brevissima di poesia di solo tre versi nata in Giappone nel XVII secolo: Sulle note del vento di Maruyama Daizen (2018) e Solo la luna in silenzio di Natsume Sōseki (2019). Il curatore e traduttore Diego Martina ne legge alcuni tra i più interessanti spiegandone il significato. I video sono visibili sulla pagina Facebook di Roma multietnica, della Biblioteca Mandela e di Biblioteche di Roma.

Sempre lunedì la Biblioteca Valle Aurelia propone sulla propria pagina Fb il secondo appuntamento di #annuncidelnostropresente, le pillole letterarie di Giuseppe Manfridi. Il romanziere, drammaturgo e attore scova nei grandi classici della letteratura mondiale spunti e suggestioni per riflettere sul tempo particolarissimo che stiamo vivendo. Questa settimana la paradigmatica storia del dottor Semmelweis, raccontata da Celine, ci porta lungo i progressi della scienza medica, frutto del lavoro in laboratorio, ma anche della pratica clinica, ambiti spesso, anche in queste settimane, non del tutto conciliati.

La Biblioteca Casa delle Letterature presenta invece una nuova rubrica #scrittoridimaggio, tutti i giorni alle 11.00 per rendere omaggio ai protagonisti della grande letteratura contemporanea nati nel mese di maggio.

Immancabile mercoledì 27 alle 12.00 e alle 15.00 torna Favole al telefonino delle Mamme narranti di Andrea Satta. I due appuntamenti ospitati dalla pagina Fb del Servizio Intercultura (https://www.facebook.com/pg/romamultietnica.it) sono con Monica che racconta la fiabastrocca di sua invenzione dal titolo Regina Formi e Re Calabro e con Marino Sinibaldi, direttore di Radio3Rai che recita Il governo che piace a me di Gianni Rodari. Spazio anche all’illustrazione e al fumetto con la mostra virtuale PAREPOP, presentata sula pagina Fb della Biblioteca Mameli, che raccoglie una selezione di opere dell’artista romano Marco Petrella. La galleria di immagini è divisa in percorsi tematici che tracciano un filo narrativo inedito tra musica e letteratura: dai ritratti di scrittori e musicisti alle recensioni illustrate di libri e dischi, dalle copertine di saggi e romanzi alle tavole ‘in quarantena’ recentemente disegnate dall’artista romano.

Giovedì 28 torna a incontrarsi online con VirtualMenteFuoriLègge il Circolo di lettori della Biblioteca Pasolini per scambiarsi commenti e suggerimenti letterari riferiti al libro scelto per il mese di maggio: Il vecchio che leggeva romanzi d’amore di Luis Sepulveda.

Dedicata ai più piccoli è infine l’iniziativa, in programma sempre giovedì della Biblioteca Villa Leopardi #aspassoconRodari, laboratorio ispirato dal libro La passeggiata di un distratto di Gianni Rodari (Emme Edizioni, 2009). I bambini racconteranno la loro prima passeggiata dopo il lungo periodo di quarantena attraverso disegni e racconti. Con Federica Bicchieraro e Federica Reale, in collaborazione con Cooperativa sociale integrata onlus “il Carosello”.

PALAZZO delle ESPOSIZIONI. Le sale del Palazzo sono di nuovo accessibili per visitare le mostre interrotte a seguito del lockdown: Jim DineGabriele Basilico-Metropoli Condizione Assange. Le rassegne sono state prorogate per dare la possibilità di goderne a un pubblico più ampio possibile e recuperare in parte i giorni in cui non è stata possibile la visita. La grande antologica su Jim Dine, realizzata con la collaborazione dell’artista e curata da Daniela Lancioni presenta oltre 80 opere, datate dal 1959 al 2018. Nel suo insieme, può dirsi articolata in due parti che rispondono ciascuna a un diverso criterio espositivo. Una prima parte si dispiega nelle sei sale intorno alla Rotonda del Palazzo delle Esposizioni dove le opere sono ordinate secondo un criterio cronologico pensato per lasciare a vista scarti, sorprese e metamorfosi del lavoro di Jim Dine e per non scalfire il senso di orientamento dei visitatori e delle visitatrici. La seconda parte occupa le ultime due grandi sale del percorso espositivo allestite per mano dello stesso artista che le ha trasformate in due ambienti di grande impatto emotivo e visivo.

Al secondo piano è allestita Metropoli di Gabriele Basilico a cura di Giovanna Calvenzi e Filippo Maggia. Dedicata a uno dei maggiori protagonisti della fotografia italiana e internazionale, la rassegna è incentrata sul tema della città con oltre 250 opere in diversi formati datate dagli anni Settanta ai Duemila, alcune delle quali esposte per la prima volta.

Lo Spazio Fontana ospita Condizione Assangequaranta ritratti di Miltos Manetas, una mostra che apre per restare chiusa. La mostra, inaugurata l’11 maggio con il Palazzo chiuso, è costituita da una serie di circa quaranta ritratti ad olio di Julian Assange eseguiti da Miltos Manetas tra febbraio e aprile di quest’anno e vuole rappresentare, fra le molte cose dette e fatte in questi ultimi due mesi in tutto il mondo, un particolare, forse paradossale, contributo di riflessione sulla condizione della reclusione, dell’isolamento, dell’impossibilità dell’incontro. La mostra non si può visitare. L’unica modalità per esplorarla rimarranno la sua comunicazione e la documentazione delle sue evoluzioni: dalla preparazione dello spazio fisico predisposto ad ospitarla, all’arrivo delle opere, alle interazioni che la accompagnano a partire dal dialogo tra l’artista e Cesare Pietroiusti, con una narrazione che si riflette su più livelli attraverso i canali social e digitali di Palazzo delle Esposizioni e il profilo creato dall’artista.

MACRO. Museum as playground – Il museo come spazio per il gioco, è il settimo punto del manifesto di Museo per l’Immaginazione Preventiva che si sviluppa da questa settimana sui profili Instagram e Facebook. Questo racconto per opere e immagini, articolato in dieci concetti chiave, è stato avviato per accompagnare la nuova programmazione del museo e prosegue aderendo a #laculturaincasa, ampliando la sua riflessione sulla centralità della visione degli artisti. Grazie all’opera Museum as Bureau of Communication creata da Olaf Nicolai per il MACRO, è ancora possibile inviare la propria cartolina d’artista. Basta indicare il messaggio e il destinatario, sarà poi il museo a scegliere l’immagine dell’opera che lo accompagnerà, facendo da mediatore. (Info per partecipare sul sito del museo https://www.museomacro.it/it/olaf-nicolai-museum-as-bureau-of-communication/. Sul profilo Spotify del museo si può ascoltare una nuova playlist di Museo per l’Immaginazione Preventiva. Qui si trovano anche le prime puntate del bollettino sonoro Dispatch, disponibili anche sul sito www.museomacro.it.

TEATRO dell’OPERA. Ancora tre nuovi titoli per la stagione di Teatro Digitale dell’Opera, di cui due prime visioni in assoluto – programmati sul sito e sul canale You Tube ufficiale del Teatro: l’opera La damnation de Faust, il balletto Lo Schiaccianoci e la creazione Waiting for the Sibyl. Tre lavori che rispecchiano l’idea di Roma Opera aperta, un teatro capace di rappresentare il meglio del teatro musicale internazionale di oggi con aperture a grandi produzioni e novità contemporanee, senza dimenticare il repertorio. Martedì 26 e venerdì 29 maggio La damnation de Faust di Hector Berlioz ha aperto la stagione operistica 2017-18 e grazie alla collaborazione con Rai Play sarà possibile ammirare l’allestimento con cui il l’Opera di Roma ha vinto il Premio Abbiati della critica musicale italiana come miglior spettacolo del 2017. Damiano Michieletto firma la regia di una messa in scena in pieno accordo con la direzione musicale di Daniele Gatti, dal taglio cinematografico tra salti temporali e immagini oniriche lontane da attualizzazioni e realismo. Dalle 20.00 di mercoledì 27, e poi anche sabato 30, sul canale You Tube verrà trasmesso lo spettacolo tradizionale delle feste di fine anno e non solo Lo schiaccianoci, balletto che dal debutto a oggi ha conosciuto diverse versioni. Libretto e struttura si prestano a una libertà di interpretazione che ha ispirato anche il regista e coreografo italiano Giuliano Peparini che con questa sua rilettura contemporanea, dal forte taglio teatrale ha inaugurato la stagione di balletto della stagione 2015-16. L’ultimo appuntamento della settimana è con una novità assoluta Waiting for the Sibyl, commissionata dal Teatro all’artista sudafricano William Kentridge, con piena libertà di ideazione e di scelta. Andata in scena al Teatro Costanzi lo scorso settembre con un lavoro di un altro grande artista moderno, Work in Progress di Alexander Calder, potrà essere visto in streaming sul canale You Tube del Teatro dalle 20.00 di giovedì 28 ed anche domenica 31. Sul palcoscenico campeggia un grande testo, costruito con collage, proiezioni, dipinti. Sulla scena in cui è rappresentata anche la Sibilla del Paradiso di Dante, nove artisti, tra danzatori e cantanti, realizzano un intenso e poetico lavoro di trentacinque minuti, accompagnato dalla musica registrata di uno dei maggiori pianisti sudafricani, il compositore Kyle Shepherd con gli arrangiamenti vocali di Nhlanhla Mahlangu. Sui profili social del Teatro, oltre a interviste-video ai direttori, registi e interpreti, lunedì 25 sarà possibile riascoltare la Lezione di Opera di Giovanni Bietti per conoscere meglio il capolavoro di Berlioz. Le due puntate della rubrica Opera in pillole saranno invece dedicate a Richard Wagnermercoledì 27 conosceremo meglio Il Leitmotiv di Wagner, mentre nell’appuntamento di sabato 30 si approfondirà l’influenza di Wagner nell’opera.

ACCADEMIA NAZIONALE di SANTA CECILIA. È con Antonio Pappano e la “sua” Aida in live streaming su www.santacecilia.it e sui canali social dell’Accademia che si apre la settimana di appuntamenti dell’Istituzione. Giovedì 28 alle 17.00 Antonio Pappano in diretta dalla sua casa di Londra, continua con la sua analisi di Aida, il capolavoro di Verdi inciso per Warner Classics nel 2015 con Orchestra e Coro dell’Accademia e che vanta un cast stellare guidato da Jonas Kaufmann, Anja Harteros, Ekaterina Semenchuk e Ludovic Tezier. Si prosegue sempre giovedì 28 alle 19.30 con Nicola Luisotti che dirige l’Orchestra nella Suite dal Gattopardo di Rota. Parte a ritmo di valzer il concerto di venerdì 29 alle 20.30 sul podio dell’Orchestra Manfred Honeck che apre la sua serata con le Voci di primavera di J. Strauss. Il secondo brano invece avrà un protagonista assoluto, Mario Brunello, musicista eclettico, il cui repertorio spazia con estrema disinvoltura dal barocco al jazz, alla musica contemporanea. Brunello sarà interprete del Concerto per violoncello, capolavoro di Nikolaj Miaskowskij, compositore russo, allievo di Rimsky-Korsakov, grande amico di Prokofiev, che ha lasciato una enorme quantità di musica ricca di una vena melodica degna della grande tradizione russa. Nella seconda parte, il direttore affronterà una delle più sofferte pagine di Čajkovskij: la Quinta Sinfonia. Collegandosi periodicamente alla nuova sezione del sito dell’Accademia di Santa Cecilia www.santacecilia.it/onlineforkids gli aspiranti musicisti troveranno pillole di pochi minuti registrate e montate per l’occasione, con attività musicali da fare a casa, materiale per lo studio della musica, tutorial e una piccola fiaba visibile a tutti.

TEATRO di ROMA. Continua la programmazione digital su #TdROnline che continua ad arricchire l’offerta culturale su tutti i canali social del Teatro. Da venerdì 29 alle 18.30 spazio all’immaginazione e alle scritture delle giovani generazioni con un quintetto di racconti tra fantascienza e orrore: GRUPPO_2020 – dopo il cantiere di corpi sonori e di narrazioni andato on air su Radio India – cambia pelle e si trasforma in versione on line e in formato video, approdando su #TdROnline con un panorama ancora più vivido di questo nostro presente fantascientifico. Sull’onda della call lanciata a marzo da Radio India, che ha raccolto racconti di ragazzi tra i tredici e i vent’anni, nel solco tracciato da due generi ‘minori’ – fantasmatici e politici allo stesso tempo – come fantascienza e orroreGRUPPO_2020 ON LINE prende forma in 5 episodi per 5 racconti, che avranno una nuova ‘messa in forma’, conservando l’architettura interpretativa e musicale della Radio, cui si aggiunge un lavoro per immagini, ogni volta ispirato al singolo racconto. Si inizia con Matahari scritto da Giulio Apicella, con l’interpretazione di Lorenzo Frediani a cui seguiranno i successivi componimenti con appuntamento settimanale. Storie e visioni per intercettare, attraverso le parole d’invenzione, i paesaggi reali e immaginari che i giovani autori percepiscono intorno al proprio presente e, letteralmente, davanti alle proprie finestre spalancate su un pianeta ‘quasi’ alieno. Dopo aver incontrato virtualmente i più importanti registi della scena europea e italiana, le conversazioni di Giorgio Barberio Corsetti allargano gli orizzonti verso nuovi continenti, per intraprendere un viaggio attorno al mondo con artisti extraeuropei. L’appuntamento d’oltre confine di sabato 30 alle 21 sarà con la coreografa marocchina Bouchra Ouizguen, che ha fatto della danza uno strumento ‘geopolitico’ di azione artistica e di emancipazione delle donne nel mondo arabo, tentando di scardinarne convenzioni, schemi, resistenze e divieti, attraverso un coraggioso agire creativo e coreutico e dal fulgore vitale. La necessità di ascoltare le “parole” di pensatori che possono orientarci nella comprensione di uno sguardo “altro” su questo tempo di ripartenza per offrire al pubblico una sezione di dialoghi rinnovati, dibattiti interculturali da appuntamento mercoledì 27 alle 19.00 con Francesco Piccio Carreri, professore e architetto che indaga le strategie multiculturali dell’abitare a Roma in dialogo con Giorgio Barberio Corsetti, per una riflessione sulla città e sui processi umani, urbani e sociali della contemporaneità. Su questa linea domenica 31 alle 12 verrà riproposta una delle Conversazioni sulle Rovine, tenutesi nel 2016 all’Argentina, in occasione della mostra La forza delle Rovine al Palazzo Altemp, per ripercorrere il significato di ‘rovine’, sentinelle del passato, macerie del presente e fonte di energia creativa del futuro. Continua a prendere vita, giovedì e domenica alle 16, sul palco virtuale di #TdROnline, la staffetta di letture di Centuria, portando in voce e in video trenta dei cento e più mondi allestiti dallo scrittore Giorgio Manganelli. Un’opera digitale diretta da Massimo Popolizio che, insieme alle voci uniche e multiple dei dodici interpreti di Un nemico del popolo, ci porteranno sulle tracce di un surreale bestiario di personaggi, molto vicini alle inquietudini contemporanee, per un ritratto caleidoscopico dell’essere umano prodotto dal Teatro di Roma. Ancora un doppio appuntamento con il Piero Gabrielli, che rimodula il progetto dell’anno in corso contribuendo al palinsesto di #TdROnlinemartedì 26 alle 16 con Il Filo, un montaggio video di poesie tratte da Principerse e filastrone di Silvia Roncaglia, recitate e declamate dai ragazzi della Piccola Compagnia, tenendo bene il ‘filo’, senza perderlo, anzi moltiplicandolo in oggetti di scena e in invenzioni che duettano con i versi: filo di lana, fili del bucato, filo della luce, filo spinato, filo di vento, un filo parla a una fune, filo di paura, la mozzarella parla a un maccherone, il filo del discorso, fine del filo. Un esperimento scenico per giocare con i riquadri della piattaforma zoom, trasformandoli in piccoli boccascena da cui i giovani attori si affacciano e interagiscono l’uno con l’altro. Secondo affaccio settimanale, mercoledì 27 alle 16.30, con il Concorso Luigia Bertoletti che premierà i migliori testi poetici (oltre 140 elaborati) realizzati dai ragazzi per il progetto della canzone collettiva Chiuso dentro casa.

Ed ancora dai Teatri di Cintura:  le incursioni artistiche del Teatro Tor Bella Monaca sulla pagina facebook, sul canale Youtube e sul sito propongono martedì 26 alle 18 la rubrica CARO DIARIO TI SCRIVO con ricordi e commenti degli spettatori del TBM; sempre martedì alle 21 LA REGINA ODEIDA, testo di Marabotto con Andrea Calabretta e Maddalena Rizzi, nell’ambito di A Me Gli Occhi, progetto collettivo dei TiC per ragazzi; giovedì 28 alle 21 il primo video del nuovo progetto PENSO, QUINDI SONO?, riflessioni, contraddittori, monologhi e pensieri in chiave ironica sulla situazione attuale partendo dal pensiero filosofico di alcuni autori: primo appuntamento con Simone De Beauvoir, di e con Maddalena Rizzi; venerdì 29 alle 18 BAMBINI IN ARTE, un progetto a cura di Serena Santirocco, che prende il via con un laboratorio su klimt; sabato 30 alle 18 la terza puntata di FRANZ&NANDO di e con Stefano Zanoli e Andrea Murchio, mentre domenica 31 alle 18 continua IL DIARIO DI UN NON INTUBABILE dai testi di Alessandro Benvenuti con Andrea Murchio. Il palinsesto settimanale del Teatro Biblioteca Quarticciolo offre un ampio programma digitale, con dirette e prime visioni sulla pagina facebook: appuntamento per le scuole con Federica Migliotti che incontra Marta Cuscunà martedì 26 alle 11 per raccontare del suo FUORI MISURA. IL LEOPARDI COME NON VE L’HA MAI RACCONTATO NESSUNOmercoledì 27 alle 12 Francesco Pacifico inaugura il ciclo LETTERATURA E PERIFERIA con l’incontro Rozzano contro Milano, insieme a Jonathan Bazzi (autore di Febbre) e Ivan Carozzi; domenica 31 alle 19, IN CARROZZA. Teatro, storie, musica e sorprese per viaggiare con la fantasia, appuntamento per le famiglie con ospite la compagnia pugliese Principio Attivo. Con #TVPonline il palinsesto digital di Villa Pamphilj propone, sulla pagina Facebook, martedì 26 alle 21 LA REGINA ODEIDA, nell’ambito di A me gli occhi, progetto dei TiC dedicato ai più piccini; mercoledì 27 alle 18 la terza ‘pillola’ di Dieci storie proprio così – Terzo Atto per lL PALCOSCENICO DELLA LEGALITA’ – storie 2.0, a cura di Emanuela Giordano e CO2, un progetto in cui il teatro diventa strumento di educazione alla legalità; giovedì 28 alle 18.30 per DIALOGHI MEDITERRANEI Stefano Saletti incontra Jamal Ouassini, per parlare della forza delle musiche del Mediterraneo; venerdì 29 alle 15 #JAZZHOME Il jazz non sarà messo in quarantena, il diario nei giorni di isolamento della batterista Cecilia Sanchietti, e alle 18 Paolo Pecorelli e Checco Galtieri, in DIDATTICA, che spettacolo! a dialogo con Fabrizio Cardosa; sabato 30 alle 11 SING-A-LONG, inglese e musica per piccolissimi con Diego di Vella e Livia Adinolfi e alle 15.30 la prima puntata di ANARCHY IN THE U KITCHEN, parole, musica e cucina con Anna Maria Piccoli e Carlo Amato; infine domenica 31 alle 12.00 LA VIGNETTA di Fabio Magnasciutti, uno dei più apprezzati disegnatori per riflettere e sorridere con profonda leggerezza. Con #TdLOnline il Teatro del Lido di Ostia propone una settimana ricca di eventi martedì 26 alle 21 LA REGINA ODEIDA, nell’ambito di A me gli occhi, progetto dei TiC dedicato ai più piccini; mercoledì 27 alle 17.00 pillole di critica cinematografica dell’Occhio Estraneo Cineforum: il Professor Donato Di Stasi approfondisce A CIASCUNO IL SUO di Elio Petri; giovedì  28 alle 19.00 musica con NOTE MAI DETTE, debutto digitale della giovane Orchestra del TDL; venerdì 29 alle 19.00 ROMA: PERSONAGGI E INTERPRETI con Marcello Teodonio e Stefano Messina. Doppio appuntamento con webradio e podcast: sabato 30 alle 19.00 in Conversazioni Resistenti, Chiara Becchimanzi intervista Luca Giacobbe; domenica 31 alle 17.00 nella prima delle INTERVISTE POSSIBILI, Chiara De Angelis incontra Paolo Cesari. Ricca la proposta formativa online: martedì 26 alle 16.00 Ti Con Zero e Miaohaus presentano la prima parte del video laboratorio in due puntate BIANCO TEATRO – ALFONSINA E IL CIRCOmercoledì 27 alle 15.00 prende il via il ciclo di laboratori IL TEATRO COME STRUMENTO FORMATIVO, continuano, inoltre,  i RITRATTI DI UN TERRITORIO, a cura di Tamara Bartolini, Michele Baronio e Simona Olive. Fino al 3 giugno, la mostra UN ANNO DI MIAOHAUS è visitabile online, con i lavori realizzati nel corso dei laboratori creativi svolti al Teatro del Lido nella stagione 2019/2020.

AUDITORIUM PARCO della MUSICA – FONDAZIONE MUSICA per ROMA. Prosegue  #AuditoriumLives il palinsesto online sui canali Facebook, Instagram, Twitter, Spotify, Telegram. Tra gli altri appuntamenti, lunedì la consueta rubrica Ascendenti Musicali. Martedì 26  Lezioni di Storia, ciclo di lezioni dedicate alle grandi opere dell’uomo, dalle piramidi a Versailles, dal teatro alla Scala a Piazza San Marco. Mercoledì 27 alle 19.00  #AuditoriumLives avrà ospite Mirko Signorile e Raffaele Casarano che eseguiranno La Vie ne Rose. Giovedì 28 Sergio Cammariere presenterà online il nuovo video del brano Con te sarò già premiato come Best Animated Video al Music Video Underground Festival di Parigi. La giornata di venerdì 29 sarà dedicata alla Lezione di rock a cura di Ernesto Assante e Gino Castaldo, questa settimana dedicata al percorso musicale Da David Bowie a Lady GaGaSabato 30 avremo il podcast di Economia Come 2018 con la lezione La sfida al lavoro tradizionale di Silvana Sciarra e Colin Crouch, introdotta da Alfonso Celotto e letture di Gaia Messerklinger. La domenica sarà come sempre dedicata alla scoperta dell’Auditorium e dei suoi magnifici spazi, musei e sale.

CASA del CINEMA. Oggi, lunedì 25 maggio, inizia una nuova settimana di attività digital e come ogni lunedì ad inaugurare la programmazione tocca a I lunedì della Cineteca, la rubrica in collaborazione con CSC-Cineteca Nazionale, che torna con la riproposizione di un altro degli incontri realizzati in occasione degli 80 anni del Centro Sperimentale di Cinematografia. Protagonista, questa volta, l’ex allievo Carlo Verdone intervenuto in sala dopo una proiezione del suo film Un sacco belloMartedì 26 tornerà a trovare gli amici della Casa il suo direttore Giorgio Gosetti grazie all’appuntamento imperdibile con la rubrica La cineteca del direttore. Le riflessioni di questa settimana, martedì 26 alle 10.30, saranno dedicate ai film Soldati a cavallo di John Ford, giovedì 28 sempre alle 10.30 al film di Luigi Comencini  La donna della domenica e, domenica 31 alle 16.30, a quello di Wong Kar-wai In The Mood For LoveMercoledì 27 alle 10.30, invece, sarà la volta della rubrica La parola al critico con il ritorno di Fabiana Sargentini che, nella sua Fictionmania, parlerà della serie tv The Affair. Sempre mercoledì la Casa festeggerà anche il compleanno di Giuseppe Tornatore riproponendo, alle 16.30, l’incontro di Percorsi di cinema, a cura di ANAC in cui il regista racconta a Citto Maselli il suo Nuovo cinema Paradiso (con la partecipazione di Massimo Cristaldi). Nella settimana non mancheranno ovviamente gli appuntamenti con le rubriche storiche My Best Movie Line, il gioco Instagram che permetterà di entrare nelle stories del profilo della Casa inviando la frase indimenticabile tratta da un film; il quiz sul cinema da fare insieme; i festeggiamenti per i compleanni di attori e registi celebri; la riproposizione di frasi celebri del cinema e poi ancora la rubrica La Casa del Cinema segnala con le proposte più interessanti delle cineteche e delle distribuzioni italiane. Il fine settimana prenderà avvio alle 10.30 di venerdì 29 con il viaggio nel passato di Mario Di Francesco e della sua rubrica Villa Borghese: profumo di cinema,ricordi di film e attori, di set e di ciak dalla Casina delle Rose alla Casa del cinemamentre alle 16.30 per Cinema da leggere si parlerà del libro Michelangelo Antonioni. L’alienista scettico, di Simona Busni. Sabato 30 alle 11.00 in programma l’appuntamento con le Lezioni di Cinema del passato questa volta in compagnia di Mel Brooks che nel 2006 tenne una divertentissima lezione di cinema, accompagnato dal critico cinematografico e regista Marco Spagnoli, in occasione della proiezione in anteprima di The Producers. Nel pomeriggio, alle 16.30, torneranno inoltre le grandi canzoni del cinema raccontate fuori orario, fuori giri, in modo asincronico e suggestivo da Jonathan Giustini. Il secondo appuntamento di Cinema inCanto sarà dedicato al film Sacco e Vanzetti di Giuliano Montaldo e alla mitica Here’s to you scritta e interpretata da Joan Baez sulle musiche di Ennio Morricone. A chiudere la settimana, domenica 31 saranno i consigli di Maurizio di Rienzo, curatore della rassegna ItaliaDoc che si svolge alla Casa del Cinema da 14 anni, il quale alle 11.00 continuerà il suo viaggio nel mondo del documentario parlando questa volta di Assalto al cielo di Francesco Munzi. Infine, per festeggiare i cinquanta anni di Paolo Sorrentino, la Casa del Cinema riproporrà alle 14.00 l’incontro di Percorsi di cinema, a cura di ANAC, in cui il regista racconta il film Le conseguenze dell’amore, dialogando con lo sceneggiatore Giorgio Arlorio.

FONDAZIONE CINEMA per ROMA.  Giunge alla quarta settimana di programmazione Backstage: il cinema e i suoi mestieri l’iniziativa che raccoglie in video una serie di testimonianze firmate da alcuni dei più noti e apprezzati professionisti del grande schermo. Lunedì 25 parlerà Francesco Vedovati, casting director che si è aggiudicato due Nastri d’argento per il suo lavoro nel film Maraviglioso Boccaccio dei fratelli Taviani e Dogman di Matteo Garrone. Mercoledì 27 sarà il turno di Fabio Lovino, uno dei più noti fotografi di scena del nostro cinema, che ha immortalato i volti di alcuni fra i più noti attori e registi italiani e internazionali. Venerdì 29 parlerà Daniele Orazi, che con il suo lavoro di agente cinematografico accompagna la carriera di tanti celebri protgagonisti del nostro cinema, fra i quali Monica Bellucci, Luca Marinelli, Alba Rohrwacher, Claudio Amendola e Valeria Bruni Tedeschi. Giovedì 28 alle 12.00 la Fondazione presenta con il MAXXI la terza lezione per approfondire uno dei generi più frequentati on line, il video essay. Tutte le clip saranno condivise a partire dalle 12.00 sul sito www.romacinemafest.org e attraverso i canali social della Fondazione @romacityfest.

NUOVO CINEMA AQUILA. Prosegue  sui canali social, facebook e instagram, #ildiariodellachiusura. Mercoledì 27 è la volta de L’Aquila in pillole, brevi segnalazioni su film di ieri e di oggi particolarmente adatti al pubblico della sala per condividere informando e strappando un sorriso (l’ultima segnalazione ha riguardato ‘Tempi moderni’ di Charlie Chaplin) #laquilainpillole. Venerdì 29 il Diario, come ogni venerdì, renderà disponibili per la pubblica visione i cortometraggi selezionati dal nostro staff, il tutto per la durata di una settimana; venerdì per Il Maggio di Milano, la sezione dedicata ai lavori giunti dal capoluogo lombardo, sarà visibile Ogni cosa rosa di Patrizia Emma Scialpi, Fabiana Foschi, Ghila Cerniani e Giuseppe Costa #icortidellaquila  #aicorticiteniamo  #ilmaggiodimilano. Infine domenica 31 saranno consigliate le migliori pellicole scelte per i propri fedelissimi tramite sondaggi, dando massima precedenza a quelle visibili gratuitamente, per le quali verrà fornito direttamente il link per la visione (l’ultima proposta ha riguardato A Ciambra’ di Jonas Carpignano #laquilaconsiglia  #ilcinemalofaitu.

 

ROMAEUROPA FESTIVAL. Prosegue il percorso tra frammenti video e interviste agli artisti che hanno attraversato la storia di Romaeuropa, primo appuntamento della settimana sulla pagina facebook del festival Facebook.com/Romaeuropa mercoledì 27 alle 19.30  con la compagnia danese Hotel Pro Forma, tra le protagoniste dell’edizione 2015 con Laughter in the Dark ispirato all’omonimo romanzo scabroso e sensuale di Vladimir Nabokov. La regista Kirsten Dehlholm racconta la realizzazione della riduzione teatrale curata da Mogens Rukov (scrittore tra i fondatori del manifesto Dogma e sceneggiatore di film come “Festen” di Thomas Vinterberg) e il proprio allestimento sospeso tra teatro, installazione, arti visive e coreografia in cui un ruolo centrale è giocato dal suono e dalla musica proposta in cuffia agli spettatori. A proseguire un percorso dedicato al teatro internazionale in dialogo con la letteratura è venerdì 29 alle 19.30 l’intervista realizzata al visionario regista francese Aurelien Bory durante il Romaeuropa Festival 2017 e in occasione della presentazione del suo “Espæce” spettacolo ispirato al libro “Specie di Spazi” di Georges Perec. «Io vedo il teatro come un’arte dello spazio» afferma il regista prima di raccontare e approfondire il lavoro di costruzione del suo spettacolo, tributo al grande scrittore francese. Domenica 31, infine, ancora alle 19.30, spazio alla drammaturgia contemporanea con l’intervista alla regista francese di origini vietnamite Caroline Guyela Nguyen per il racconto del suo Saigon presentato durante il Romaeuropa Festival 2018: un melò teatrale interamente  ambientato all’interno di un ristorante vietnamita in cui si consumano le storie di uomini e donne sospesi tra la Francia di oggi e la Saigon degli anni ’50 e irrimediabilmente segnati dai processi di colonizzazione e decolonizzazione. L’appuntamento è inevitabilmente anche un ricordo dedicato a My Chau Nguyen Thi, straordinaria attrice, tra le protagoniste dello spettacolo, tristemente scomparsa in questi giorni.

Per approfondimenti e aggiornamenti: canali social @culturaaroma con hashtag #laculturaincasa #laculturaincasaKIDS.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti