Spazio Salvamamme nel III Municipio per famiglie in difficoltà

Nella Casa dei Diritti e delle Differenze Carla Zappelli Verbano di via Rovetta
Redazione - 7 Febbraio 2020

Uno spazio dedicato alle mamme e ai bambini in condizioni di fragilità e in difficoltà economica nella Casa dei Diritti e delle Differenze Carla Zappelli Verbano di via Rovetta, nel III Municipio. E’ questo il senso del protocollo firmato questa mattina, 7 febbraio, tra gli uffici del Municipio III e l’associazione Attiva Montesacro per il punto salvamamme.

“Una gestazione durata quasi un anno e finalmente giunta oggi a compimento. Dal 14 febbraio 2019, infatti, data in cui fu votata all’unanimità dal Consiglio municipale la risoluzione  per l’utilizzo di alcuni locali per le attività del punto salvamamme e firmata dall’allora presidente della Commissione per politiche sociali Sara Alonzi,  ci siamo alacremente impegnati in questa direzione. Ora alcuni ambienti della Casa dei diritti e delle differenze di via Rovetta saranno l’emblema dell’accoglienza e del sostegno alle famiglie che maggiormente hanno bisogno di sostegno nel nostro territorio. Un altro tassello di cui andare fieri”. Queste le parole di Giovanni Caudo, Presidente del III Municipio in una nota.

“Tra le attività garantite dal punto Salvamamme – specifica Maria Concetta Romano, Assessora alle politiche sociali del III Municipio – si annoverano la raccolta e la distribuzione di abbigliamento e generi di prima utilità per l’infanzia, il servizio di supporto psicologico e amministrativo dedicato alle madri. Ovviamente, il tutto è offerto in totale gratuità su casi segnalati dai Servizi Sociali. Nella convinzione che nessuno debba restare indietro e che a ogni persona, soprattutto a ogni bambino, debbano venire offerte le medesime possibilità”.

“Il punto salvamamme è una delle straordinarie esperienze di solidarietà e sorellanza del municipio. Il fatto che apra nella Casa dei Diritti e delle Differenze racconta bene il progetto ambizioso che abbiamo in mente per la casa intitolata a “Carla Zappelli Verbano”, inaugurata in occasione del festival “una settimana del genere” realizzato a Novembre. Per le donne servono servizi, spazi di socialità e solidarietà da animare con tutte le energie, istituzionali e associative, del territorio, che nel nostro caso sono tante.

Un grazie – conclude Claudia Pratelli, Assessora alle Politiche Educative del III Municipio – va anche agli uffici che hanno affrontato e risolto gli ostacoli di tipo burocratico-amministrativo che riguardavano la struttura. Siamo orgogliosi che l’attività del punto salvamamme possa continuare ad operare nel nostro municipio dando un sostegno alle mamme con bambini fragili e in difficoltà economiche”.

E’ possibile donare abiti, giocattoli, passeggini, alimenti prima infanzia, fino ai 12 anni.
La raccolta in questi giorni è sospesa ma riprenderà appena terminato il trasloco che verosimilmente avverrà entro fine febbraio.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti